14 agosto 2019
ore 8:50
di Manuel Mazzoleni
tempo di lettura
1 minuto, 57 secondi
 Per tutti

14 agosto 2018, ore 11:36: Un forte boato scuote la città di Genova. Un lungo tratto del ponte Morandi si spezza portandosi via ben 43 vite. Sono trascorsi 365 giorni da quella tragica giornata e oggi tutta la città si fermerà nel ricordo delle vittime e di una tragedia che ha commosso il mondo intero. "Stringiamoci insieme, sentiamoci comunità", è l'appello del sindaco Marco Bucci, "affinché sia un momento di condivisione, cordoglio, solidarietà e vicinanza in onore dei morti e di tutti coloro che per quella tragedia hanno e stanno soffrendo". "Invito tutti i cittadini genovesi a partecipare alla cerimonia in memoria delle vittime di ponte Morandi ",scrive Bucci . "A chi non potrà intervenire chiedo comunque di osservare un momento di raccoglimento alle 11:36, in qualsiasi posto si trovi. Stringiamoci idealmente insieme per ricordare le persone che hanno perso la vita in quel tragico evento e per sentirci ancora una volta comunità unita, come abbiamo dimostrato in questo anno trascorso".

La cerimonia si svolgerà in un capannone, proprio nel luogo dove sta nascendo il primo pilone del nuovo viadotto pensato dall'architetto Renzo Piano come la chiglia di una nave. Alle 10 inizierà la messa celebrata dall'arcivescovo di Genova, il cardinale Angelo Bagnasco. Presenti il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, i rappresentanti del governo e dei familiari delle vittime.

Ricordiamo che al momento del crollo un temporale stava imperversando sulla zona, non è escluso che la forte pioggia possa aver favorito o accelerato il disastro. La struttura del viadotto Polcevera (noto come ponte Morandi) era stata costruita tra il 1963 ed il 1967, una struttura quindi di circa 55 anni, molto giovane considerati gli standard di durata dei ponti in cemento armato (oltre 100 anni se costruito ad arte). Già nel 2016 Antonio Brencich, docente di costruzioni all'Università di Genova aveva messo in evidenza che i costi di manutenzione del ponte avevano già superato quelli di costruzione e che la struttura era un fallimento. Un ponte simile a quello, progettato e costruito sulla baia di Maracaibo dallo stesso ingegnere, Riccardo Moranti aveva subito un grosso incidente a soli due anni dalla sua messa in opera per un errore nei calcoli...

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati