25 ottobre 2013
ore 15:00
di Manuel Mazzoleni
tempo di lettura
3 minuti, 26 secondi
 Per tutti
Impressionante colata di fango e acqua a Vernazza
Impressionante colata di fango e acqua a Vernazza
Sono passati due anni da quel tragico 25 Ottobre del 2011 quando una serie di temporali marittimi si accanirono sull'area delle Cinque Terre tra Sestri Levante e La Spezia, creando allagamenti, smottamenti e purtroppo 13 vittime.

Ecco cosa scrivevamo la mattina secessiva quel drammatico pomeriggio […] Situazione particolarmente critica nello spezzino con la Val Vara devastata da frane, allagamenti e smottamenti: il fiume Vara spaventa per la sua piena, con tre persone che risultano disperse a Borghetto Vara, probabilmente inghiottiti dalla furia del fiume. Alcune strade sono diventate dei veri e propri fiumi in piena o bersaglio di colate di fango; la galleria di Arsina, sulla strada che conduce a Brugnato la località più colpita dall'alluvione, è rimasta bloccata per una enorme frana provocando code di auto sotto una fitta pioggia. Proprio a Cassana di Brugnato è crollata una palazzina, con una donna tratta in salvo ma purtroppo anche tre dispersi, forse ancora sotto le macerie. Nel frattempo è esondato in diversi punti anche il fiume Magra; ad Amelia, nello spezzino, sono state evacuate 1000 persone.

Ma la situazione risulta disastrosa anche verso il mare, con le Cinque Terre devastate da frane e colate di fango, come nel caso di Vernazza, ma con le due persone disperse ritrovate; molti i black out elettrici nell'area dello spezzino e anche a La Spezia città, mentre diversi comuni dell'area appenninica risultano isolati con numerose chiamate ai soccorsi di gente disperata per la situazione alluvionale. Anche la circolazione risente di pesanti disagi, con il casello autostradale di Deiva Marina chiuso, mentre la rete ferroviaria Genova-La Spezia risulta bloccata tra Levanto e Corniglia su uno dei due binari, interessati da una poderosa frana.

Saranno ore davvero caotiche e difficili per il Levante Ligure, con la Regione che chiederà lo stato di calamità naturale. Ma la situazione risulta molto critica anche sull'alta Toscana, in particolare sulla Lunigiana dove si registrano frane, smottamenti e anche crollo di due ponti nel comune di Tresana, nel massese; diversi i comuni isolati come Pontemoli dove probabilmente sarà necessario l'intervento dell'esercito. Esondati in più punti il Magra e l'Aulella. Tra l'alta Lunigiana e la Val Vara sono caduti anche oltre 400-500mm di pioggia!

E poi ancora [..] Durante la giornata di ieri, la linea temporalesca in posizione quasi stazionaria ed autorigenerante, bloccata più ad est da un campo anticiclonico isolato sull'Europa orientale, ha dato luogo a violenti nubifragi, che hanno colpito in particolar modo la Liguria con alluvioni lampo concentrati soprattutto sul settore di Levante. L'aria caldo-umida preesitente ha fatto da vero e proprio carburante alla rigenerazione dei temporali. La furia dei rovesci e la loro lunga durata, ha prodotto notevolissimi accumuli di pioggia al suolo con frane e flash floods (alluvioni lampo), che purtroppo sono stati causa di 4 morti sullo spezzino ed 1 morto nel massese con decine di persone ancora disperse.  Le stazioni meteorologiche ufficiali hanno rilevato valori pluviometrici eccezionali, che hanno toccato i 400-500 millimetri tra Lunigiana e Spezzino, flagellate le Cinque Terre, isolata l'area urbana di Pontremoli.

Fu davvero un evento di eccezionale entità come testimoniano gli accumuli registrati durante l’episodio. Sul Levante Ligure, nelle fase clou, caddero fino a 472 mm di pioggia, mentre in Alta Lunigiana i massimi sulle 6 ore toccarono i 270-280 mm. In quel maledetto pomeriggio fu anche registrato un record italiano: in solo 6 ore a Brugnato caddero qualcosa come 472 mm, battendo il precedente di 447 mm, registrato a Genova-Bolzaneto l'8 ottobre 1970 (in quella circostanza sulle 24 ore caddero 948 mm). Il totale nella cittadina della Val di Vara caddero ben 542 mm. Purtroppo il pluviometro di Monterosso si è bloccato quando la cumulata era di 315 mm, di cui quasi 290 in meno di 5 ore. A Levanto, altre località colpita da ingenti allagamenti, l'accumulo complessivo raggiunse circa 220 millimetri, di cui quasi tutti caduti in meno di 4 ore.


Situazione disastrosa anche sulla Val di Vara, strade bloccate, fiumi in piena
Situazione disastrosa anche sulla Val di Vara, strade bloccate, fiumi in piena
Levante Ligure devastato dalla furia dell'acqua e delle frane
Levante Ligure devastato dalla furia dell'acqua e delle frane
Danni ingenti nello Spezzino.
Danni ingenti nello Spezzino.

Seguici su Google News


Articoli correlati