11 marzo 2021
ore 16:17
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 8 secondi
 Per tutti
Il disastro di Fukushima
Il disastro di Fukushima

Era l'11 marzo 2011 alle ore 14,46 locali (le 6,46 in Italia) quando un'enorme esplosione causò uno dei peggiori incidenti nucleari della storia. A provocarla fu un violento maremoto con conseguente tsunami che nel giro di una decina di muti si abbattè sulla costa giapponese, travolgendo i gruppi di generazione diesel-elettrici di emergenza che alimentavano i sistemi di raffreddamento di tre reattori della centrale nucleare di Fukushima e provocando quello che in gergo viene denominato meltdown completo, ovvero la fusione del nocciolo per surriscaldamento e la conseguente esplosione e rilascio di materiale altamente radioattivo.

Alla stessa ora, giovedì 11 marzo 2021, in Giappone si è osservato un minuto di silenzio per ricordare le oltre 15000 vittime. 'Oggi ricordiamo commossi la tragedia che il Giappone fu chiamato dieci anni fa a fronteggiare. Il nostro pensiero va, in questa giornata, alle famiglie delle vittime del sisma del Tohoku (la regione in cui si trova Fukushima). Ricordiamo assieme in queste ore la straordinaria reazione delle Istituzioni e del Popolo del Giappone - che con grande orgoglio e umanità hanno promosso la ricostruzione delle regioni colpite dal terremoto e dallo tsunami - e le tantissime testimonianze di amicizia e solidarietà giunte dall'Italia e dalla comunità italiana qui residente', ha detto l'Ambasciatore italiano a Tokyo, Giorgio Starace.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati