28 giugno 2022
ore 23:57
di Carlo Migliore
tempo di lettura
7 minuti, 41 secondi
 Per tutti

AGGIORNAMENTO ORE 22,35. SPEZZINO, ALTA TOSCANA ED OVEST EMILIA SOTTO I TEMPORALI. Nel corso della serata si sono intensificati rovesci e temporali sull'estremo Levante Ligure, alta Toscana e sull'Emilia occidentale. Sullo Spezzino accumulati fino a 45mm in poche ore, 40mm sul Massese, mentre in Emilia è tra Parma, Reggio e Modena che si osservano i fenomeni più intensi, accompagnati da raffiche di vento sulle zone appenniniche.

AGGIORNAMENTO ORE 22. ROVESCI E TEMPORALI RAGGIUNGONO LOMBARDIA E VENETO. Nel suo spostamento verso Levante il fronte ha dato luogo a rovesci e temporali sparsi sulle pianure lombarde, specie sul settore sudorientale, mentre dall'Emilia si sono portati oltre il Po raggiungendo la bassa pianura veneta, con intensità comunque moderata.

AGGIORNAMENTO ORE 20,25. TEMPORALI ANCHE SU EMILIA OCCIDENTALE E ALTA TOSCANA. Rovesci e temporali hanno raggiunto in serata l'alta Toscana a partire dalla costa e l'Emilia occidentale tra Parma e Reggio. Si tratta di fenomeni localizzati ma anche a tratti con sconfinamento anche oltre il confine lombardo, verso il Mantovano. 

AGGIORNAMENTO ORE 20. ALLAGAMENTI NEL CUNEESE. Anche Langhe e Roero sono stanno venendo interessati da forti rovesci e temporali nella giornata di oggi. Nel pomeriggio una grossa voragine si è formata sulla strada provinciale 7 nei pressi dell'Ospedale Unico di Alba e Bra, con ripercussioni sul traffico che è stato deviato. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco, ma altri interventi sono stati fatti tra Canale e Montà a causa di alberi caduti sulla strada. Ad Alba è stato divelto il tetto di un capannone, come evidenzia il video seguente:

AGGIORNAMENTO ORE 19,30. LIGURIA, FORTI TEMPORALI SUL SAVONESE. Nel tardo pomeriggio di oggi forti temporali hanno raggiunto anche la Liguria, in particolare il Savonese. Proprio la zona tra Savona e Finale Ligure è stata colpita da un nubifragio che si è rapidamente propagato verso il primo entroterra. Non lontano altri forti temporali hanno bersagliato il Savonese orientale verso il confine con l'Imperiese, mentre fenomeni più deboli interessano anche Genovese e Spezzino.

Nel seguente video il temporale a Varigotti (SV):

AGGIORNAMENTO ORE 18,30. PIOGGE E TEMPORALI INCESSANTI SU OVEST PIEMONTE, PONENTE LIGURE E VALLE D'AOSTA. La perturbazione che ha raggiunto il Nord Italia sta concentrando i suoi effetti sull'estremo Nordovest, uno dei settori che più hanno patito la siccità degli ultimi mesi. Alcuni corsi d'acqua che fino a questa mattina erano completamente prosciugati hanno ripreso a scorrere, come il Sangone, nel Torinese, I maggiori accumuli pluviometrici si registrano su Cuneese e Torinese, dove nelle ultime 24 ore il parziale supera i 60mm. Si segnalano però alcuni allagamenti nella cintura del capoluogo, come a Rivoli, dove un centro commerciale è stato fatto evacuare.

AGGIORNAMENTO ORE 16,30. Su tutto il Piemonte occidentale e in Valle d'Aosta si stanno nuovamente intensificando i temporali, in particolare su Cuneese e Torinese, con coinvolgimento dell'area alpina. Temporali con intense grandinate hanno interessato la zona di Caselle, nubifragi nel Canavese. La grandine ha fatto la sua comparsa anche in quota nelle valle cuneesi, sulla strada per il Colle dell'Agnello, dove cinque veicoli sono rimasti bloccati e in attesa di un mezzo spazzaneve che liberi la strada.

AGGIORNAMENTO ORE 15. Forti temporali hanno raggiunto anche la Valchiavenna nell'alta Lombardia, con nubifragi e grandine che hanno trasformato le strade in fiumi. Tanta la preoccupazione: via Pestalozzi ed il ponte sul torrente che diventano un fiume in piena, sottopasso allagati e strade sommerse (Fonte sondriotoday).

AGGIORNAMENTO ORE 14, ANCORA FORTI TEMPORALI AL NORDOVEST. L'attesa perturbazione sta interessando le nostre regioni settentrionali a partire da quelle di Nordovest, dove in mattinata si sono avuti fenomeni a tratti molto violenti e accompagnati da grandine. Particolarmente colpito l'ovest Piemonte, soprattutto le zone alpine e pedemontane occidentali, dove si sono avuti forti temporali con nubifragi e grandine che hanno creato diversi danni. Sulle valli torinesi i corsi d'acqua, dopo un lungo periodo di secca, si sono gonfiati sensibilmente a causa della persistenza dei temporali, come successo a Chialamberto, nelle Valli di Lanzo. A Villafranca Piemonte, sulla pianura quasi al confine tra la provincia di Torino e quella di Cuneo, un fulmine è caduto nel centro del paese innescando un piccolo incendio.

In mattinata colpito da temporali e grandine il Canavese, dove nel pomeriggio sono ripresi scrosci intensi accompagnati da tuoni e fulminazioni. I chicchi di grandine hanno raggiunto dimensioni paragonabili a quelle di un'albicocca e diversi sono stati i danneggiamenti dei parabrezza delle automobili. Rovesci abbondanti e temporali anche in Valle d'Aosta, segnatamente la Bassa Valle, dove una violenta grandinata ha provocato ingenti danni alle colture nella zona di Donnaz. Nel pomeriggio si segnalano temporali anche in Lombardia tra Varesotto, Comasco e Lecchese, oltre che sulle Prealpi bergamasche.

ORE 11:00 - TEMPORALI E GRANDINE GROSSA IN PIEMONTE, TANTI DANNI -  Fenomeni intensi a prevalente sfondo temporalesco continuano a interessare il medio alto Piemonte, sono arrivati anche sulla Liguria ma per il momento non sono particolarmente incisivi. Associati ai cumulonembi che hanno localmente assunto carattere di supercella è arrivata anche la grandine grossa che ha fatto moltissimi danni nelle province di Torino, Biella, Verbania, Novara sfondando parabrezza e danneggiando tetti e finestre. Molti danni purtroppo anche nelle zone agricole già provate dalla dura siccità

FORTI TEMPORALI IN ARRIVO TRA POCHE ORE - Un impulso atlantico, tutto sommato modesto e che nel periodo autunnale o invernale non avrebbe portato piogge o quasi, diventa invece oggetto di forte attenzione a causa delle caratteristiche climatiche presenti sull'Italia. C'è infatti una massa d'aria molto calda e molto umida che avvolge pressoché tutto il nostro territorio e che tra poche ore entrerà in netto contrasto con queste correnti fresche in arrivo dalla Francia innescando una forte attività convettiva di tipo frontale. Significa che il fronte perturbato si formerà ex novo proprio sul nostro territorio e lo attraverserà da ovest a est distribuendo fenomeni intensi, spesso a carattere di nubifragio. 

LA SITUAZIONE - I primi forti temporali stanno già interessando il Biellese, il Verbano, il Novarese e il Torinese, anche la città di Torino ma siamo appena all'inizio, forti grandinate di grosse dimensioni vengono segnalate nella zona di San Maurizio d'Opaglio e a Gozzano nel Novarese e a Carignano nel Torinese, una forte grandinata ha imbiancato completamente la zona dell'Alpe di Mera.

 

Nell'arco delle prossime ore saranno a rischio tutto il nordovest, poi entro il pomeriggio sera anche l'Emilia occidentale e la Lombardia, tra la sera e la notte anche Emilia orientale, Triveneto e Romagna. Quello che c'è da sapere al di la della collocazione precisa dei fenomeni che come sempre troverete nelle previsioni di dettaglio della vostra località è che sussiste il rischio concreto per fenomeni violenti anche se con piccolo raggio di azione. Saranno possibili grandinate di grosse dimensioni, nubifragi e colpi di vento ma non su larga scala.

Il resto della Penisola assisterà indenne o quasi a questo passaggio che potrà portare dei rovesci e dei temporali anche forti solo sulla Toscana settentrionale e a tratti sull'Umbria ma nella seconda parte della giornata. Altrove fenomeni di nessuna rilevanza solo a carattere sporadico, essenzialmente collegati alla copertura alta e compatta di matrice africana che sta interessando la Sardegna e le regioni peninsulari. Al Centro ed al Sud cambierà poco anche sotto il profilo termico con una giornata che vedrà gli stessi valori eccezionali del lunedì,  persino superiori all'estremo Sud dove si potrà superare la soglia dei 40°C 

LA PREVISIONE - Piovaschi o temporali anche forti e con grandine saranno presenti fin dal mattino tra il Piemonte settentrionale, la Valle d'Aosta e l'alta Lombardia e in graduale intensificazione sul basso Piemonte. Il tempo sarà ancora sereno o poco nuvoloso sulle altre zone. Entro il pomeriggio peggiora su tutto il Piemonte e la Liguria con forti temporali e grandine, anche di grosse dimensioni in graduale estensione tra il pomeriggio e la sera a tutta la Lombardia e l'Emilia occidentale. Sarà concreta la possibilità di nubifragi con accumuli di 40/50mm in in un'ora o poco più. In serata-nottata verranno gradualmente coinvolti anche Emilia orientale, Romagna e Triveneto. Proprio sul Triveneto il grosso è atteso nelle prime ore della notte in particolare su Dolomiti e Friuli. I fenomeni tenderanno comunque in  nottata ad una rapida attenuazione già al Nordovest. Le temperature subiranno un drastico calo anche di 10°C durante i fenomeni quindi una diminuzione nelle massime è attesa prevalentemente al Nordovest, altrove farà ancora molto caldo con un netto calo termico solo a fine giornata. Attenzione ai colpi di vento, essenzialmente associati ai forti temporali, non escluse nelle zone più colpite anche raffiche di 80/100km/h.


Seguici su Google News


Articoli correlati