8 marzo 2018
ore 12:46
di Lorenzo Badellino
 Per tutti

Ciclone tropicale Hola sul Pacifico meridionale
Ciclone tropicale Hola sul Pacifico meridionale

Il ciclone tropicale Hola, una bomba tropicale di categoria 2, si trova in queste ore alle coordinate 17.2S 165.6E, ovvero 180km a sudovest delle isole Vanuatu, 350km a nordest della punta settentrionale della Nuova Caledonia. Si tratta al momento di un ciclone di categoria 2 con venti fino 180km/h che soffiano intorno al suo centro, mentre si sposta verso sudovest alla velocità di 10km/h. Destinazione Nuova Zelanda, il cui arrivo è previsto per lunedì 12 marzo in prossimità della Baia di Auckland.

La rotta prevista di Hola
La rotta prevista di Hola

Prima di raggiungere il traguardo si intensificherà rapidamente raggiungendo domani la categoria 4. Immediatamente dovrà vedersela con la Nuova Caledonia e con le isole che sviluppano nei paraggi, mete turistiche di imbarcazioni di tutte le dimensioni, tra cui anche la nave da crociera Pacific Explorer, colta di sorpresa dal rapido sviluppo di Hola e che ora si vede costretta ad improvvisi cambi di rotta per cercare di sfuggire al ciclone.



Fino a sabato farà più landfall sulle Isole della Lealtà, perle del Pacifico Meridionale che fanno parte della più estesa Nuova Caledonia, provocando autentiche tempeste e scaricando impressionanti quantitativi di pioggia che provocheranno situazioni alluvionali. Passata la giornata di sabato abbandonerà la Nuova Caledonia e farà rotta verso sud-sudest iniziando a perdere almeno parte della propria energia ma rimanendo sempre un potente ciclone tropicale.


Si starà avvicinando alla Nuova Zelanda, anche se per qualche giorno non incontrerà isole lungo la sua marcia. Fino a lunedì, quando avvisterà la baia di Auckland e si preparerà ad un nuovo landfall. Scendendo di latitudine e scorrendo su acque sempre meno calde avrà continuato a depotenziarsi, tanto che quando toccherà terra in Nuova Zelanda verrà declassato a tempesta tropicale. Situazione comunque da non sottovalutare, visti i venti che riusciranno ancora a raggiungere gli 80-100km e le abbondanti piogge che potrebbero subire una nuova intensificazione a contatto con l'orografia locale.

Articoli correlati

Scarica la nostra app ufficiale!

Commenti