20 agosto 2019
ore 16:49
di Manuel Mazzoleni
tempo di lettura
2 minuti, 6 secondi
 Per tutti

Dopo l'ondata di caldo record che ha investito molti Stati dell'Europa nel mese di giugno, il luglio 2019 è stato il mese più caldo mai registrato nel mondo negli ultimi 140 anni. Il record, anticipato nei giorni scorsi dal programma europeo Copernicus, viene confermato anche dalla temperatura media globale registrata dal Noaa: 0,95°C sopra la media del XX secolo, con la quale è stato superato il primato del luglio 2016 di 0,03°C.

La temperatura media per il mese di luglio delle terre emerse è stata di 1.23°C sopra la media del XX secolo, il secondo valore più alto degli ultimi 140 anni. Resiste quindi il record stabilito nel 2017 con 1.24°C. La temperatura media per il mese di luglio per gli oceani è stata di 0.84°C sopra la media del XX secolo, il valore più alto mai registrato negli ultimi 140. Battuto il record del 2016 che era di 0.82°C.

A livello regionale i luglio più caldi sono stati registrati nel Nord America, in Africa, Asia, Oceania, regione dei Caraibi, regione delle Hawaii e Golfo del Messico. Da notare che l'Africa ha registrato il suo luglio più caldo in assoluto con ben 1,65°C sopra la media.

Come sempre i primi a rimetterci sono stati i ghiacci polari.La loro estensione ha purtroppo toccato i loro minimi storici: in Artico è scesa del 19,8% sotto la media, mentre in Antartide del 4,3%. Come ricorda il Noaa, nove dei dieci mesi di luglio più caldi si sono verificati dopo il 2005, con gli ultimi cinque in cima alla classifica come i più roventi in assoluto. Lo scorso mese è stato anche il 43esimo luglio consecutivo e il 415esimo mese consecutivo con temperature globali sopra la media.

Estendendo l'analisi ai primi 7 mesi dell'anno la temperatura globale è stata di 0,95°C, il secondo periodo più caldo dal 1880. Solo il gennaio-luglio 2016 è stato più caldo con +1,09°C. Secondo le previsioni annuali di NCEI sulla temperatura globale, è praticamente certo che il 2019 finirà tra i primi cinque anni caldi. Secondo la Noaa le variazioni di temperatura più significative rispetto alla media sono state registrate in alcune parti dell'emisfero settentrionale, in particolare in Alaska, Canada nordoccidentale e Russia centrale, dove le variazioni di temperatura rispetto alla media sono state di 2,0°C o superiori. Nel frattempo i valori maggiormente inferiore alle medie si sono verificate in gran parte degli Stati Uniti e del Canada meridionale.

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati