3 aprile 2020
ore 14:21
di Edoardo Ferrara
tempo di lettura
1 minuto, 9 secondi
 Per tutti

RINVIATA LA COP-26 - L'emergenza sanitaria mondiale da Coronavirus fa slittare anche la COP-26 in programma a novembre a Glasgow: si tratta della conferenza dell'Onu sul clima prevista dall' 8 al 20 novembre, presieduta dal Regno Unito con la partecipazione anche dell'Italia. La notizia è stata ufficializzata dal governo britannico per voce del ministro delle attività produttive Alok Sharma: "Il mondo sta affrontando una sfida globale senza precedenti e i Paesi sono giustamente concentrati negli sforzi per salvare vite umane combattendo contro il Covid 19. Per questo abbiamo deciso di riprogrammare la Cop26. Continueremo a lavorare instancabilmente con i nostri partner per realizzare l'ambizione di contrastare la crisi dei cambiamenti climatici e concorderò una nuova data per la conferenza". Questo importante appuntamento dunque è rimandato al 2021, a data tuttavia ancora da destinarsi.

La decisione del governo britannico trova appoggio anche dal segretario generale dell'Onu, Antonio Gueterres, che tuttavia ricorda di mantenere e proseguire gli sforzi per aumentare l'azione sui cambiamenti climatici, un'emergenza che non va sottovalutata neanche in questo momento difficile. Questi sforzi andranno ancora di più concentrati nell'ottica delle misure intraprese dai Paesi quando ci si dovrà riprendere da questa crisi. 

La COP-26 di Glasgow è considerata la più importante dopo l'accordo di Parigi del 2015, con una partecipazione capillare di ben 26.000 delegati. 


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati