22 giugno 2022
ore 23:51
di Carlo Migliore
tempo di lettura
1 minuto, 34 secondi
 Per tutti
Terremoto, violenta scossa di magnitudo 6.1 tra Afghanistan e Pakistan
Terremoto, violenta scossa di magnitudo 6.1 tra Afghanistan e Pakistan

ORE 14:00 BILANCIO CATASTROFICO OLTRE 1000 VITTIME - Gli ultimi aggiornamenti sul numero delle vittime del terremoto che ha colpito mercoledì sera il confine tra Afghanistan e Pakistan parlano di più di 1000 morti e 1500 feriti ma è un numero ancora impreciso perché le squadre di soccorso stanno ancora scavando sotto le macerie delle case crollate rinvenendo altri corpi. E' il peggior terremoto che ha colpito l'Afghanistan negli ultimi 20 anni e questo avviene in un momento particolarmente difficile per il paese tornato sotto la dittatura dei Talebani

ORE 8:00 - Nella tarda serata di mercoledì alle 22:54 ora italiana (01:24 di giovedì ora locale), un violento terremoto di magnitudo 6.1 (5.9 secondo l'USGS americano)ha scosso il confine tra Afghanistan e Pakistan. L'epicentro in Pakistan ma i danni e il maggior numero di vittime nella provincia afghana di Paktika dove secondo le autorità sarebbero circa 270 le persone rimaste uccise dal crollo delle proprie case. Molti danni e vittime anche nella vicina provincia di Khost, sempre afghana dove avrebbero perso la vita altre 25 persone. Danni ingenti ma per ora nessuna vittima segnalata nel territorio pakistano. Purtroppo si tratta di un bilancio ancora provvisorio ma si teme che le vittime possano essere molte più di 300 perché ci sono molti villaggi sperduti nelle remote province montane della zona. Il terremoto è stato particolarmente energetico perché caratterizzato da una profondità ipocentrale di soli 15km. La scossa è stata avvertita fino a Kabul e persino nel nord dell'India. Per coordinare velocemente i soccorsi delle centinaia di persone rimaste ferite è stato necessario utilizzare soprattutto gli elicotteri a causa del territorio montagnoso e impervio. La zona interessata dal sisma di mercoledì sera è un'area caratterizzata da faglie molto attive che in passato hanno generato terremoti fino alla magnitudo 7.5 come quello terribile del 26 ottobre del 2015






Seguici su Google News


Articoli correlati