29 settembre 2021
ore 12:22
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 24 secondi
 Per tutti
Immagine di archivio
Immagine di archivio

Un'intensa lingua di aria calda si è innalzata negli ultimi giorni dal cuore degli USA verso latitudini settentrionali ed ha valicato il confine più a nord raggiungendo alcune delle provincie più a sud del vicino Canada. Le temperature registrate in questo avvio di settimana su questa fetta del continente sarebbero elevate anche in piena estate, ma se si pensa che tali valori sono stati rilevati alla fine di settembre il fatto risulta ancora più eccezionale. Già lunedì molte località hanno cominciato a superare i 30°C, ma martedì è stata la giornata generalmente più calda.

La più rovente è stata la provincia del Saskatchewan, con la sua capitale Regina che ha fatto registrare addirittura la temperature record per il mese di settembre con un picco di ben 33°C, ma in altre località dello stesso stato canadese si sono diffusamente ed abbondantemente superati i 30°C. Come è accaduto a Yellow Grass dove la colonnina ha toccato i 34°C, o a Bratt's Lake con 33,3°C; a Indian Head registrata una massima di 32,5°C. A Melita di 32,4°C , nella confinante provincia del Manitoba.

Le campagne rimangono in gran parte secche ed anche un'attenuazione del caldo potrebbe favorire l'innesco di alcuni incendi nei prossimi giorni. Il caldo infatti proseguirà, seppur in forma più attenuata. Le temperature già dalle prossime ore non raggiungeranno più i 30°C ed anzi, si manterranno mediamente intorno ai 25°C fino a ridosso del weekend. Le minime subiranno invece un calo più netto, portandosi dagli oltre 10°C degli ultimi giorni a pochi gradi sopra zero fino a venerdì.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati