3 maggio 2021
ore 12:42
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 15 secondi
 Per tutti
Incendi in California in un'immagine di archivio
Incendi in California in un'immagine di archivio

E' stato denominato Southern Fire il fronte di fuoco principale che sabato è divampato in California nella comunità di Shelter Valley, nei pressi di Anza-Borrego Desert State Park. Alimentato da forti venti secchi che seguono un lungo periodo siccitoso, è riuscito a mangiarsi più di 2500 ettari di bosco fino a domenica sera. Le autorità sono state costrette a far evacuare circa 500 persone nel campeggio di Butterfield Ranch, dove tre strutture sono andate completamente distrutte.

Per far fronte alle imponenti fiamme stanno lavorando 200 vigili del fuoco, che hanno dovuto fare a meno di un massiccio ausilio di aerei ed elicotteri, spesso impossibilitati ad alzarsi in volo a causa della scarsa visibilità causata dalle nubi troppo basse.


Si ipotizza che ad innescare le fiamme sia stato un uomo che stava lavorando su un palo di recinzione metallica e che potrebbe aver provocato le scintille, poi propagatesi alla vegetazione particolarmente secca di questo periodo che sta coinvolgendo il 97% del territorio californiano, anche se un'inchiesta è in corso per stabilire l'esatta dinamica.

Secondo gli esperti locali le condizioni atmosferiche rimarranno sfavorevoli nei prossimi giorni per poter ridurre gli incendi. Il clima rimarrà secco, caldo e siccitoso, con forti venti che potranno alimentare ancora le fiamme. Solo sul finire della settimana un consistente carico di pioggia potrebbe raggiungere parte dello stato, ma è ancora troppo presto perché la previsione possa avere una sufficiente attendibilità.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati