26 novembre 2021
ore 23:48
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
4 minuti, 43 secondi
 Per tutti
Cronaca meteo Italia
Cronaca meteo Italia

NEVE SULL'APPENNINO LAZIALE. Mentre a bassa quota le piogge si fanno insistenti sul Lazio, in montagna è la neve protagonista già a partire dai 1500/1600m. Nevica infatti sul Terminillo e sui Reatini anche intensamente, seppur attaccando solo a quote più elevate.

FORTE TEMPORALE CON DANNI AD APRILIA, POSSIBILE TORNADO. Tra il tardo mattino e il primo pomeriggio un forte temporale ha attraversato nel Lazio l'abitato di Aprilia, accompagnato da violente raffiche di vento che hanno provocato danni sradicando alcuni alberi. Sono in corso le verifiche per valutare se si è trattato di un tornado.

LAZIO, DUE TROMBE MARINA OSTIA. La marcata instabilità che sta interessando il versante tirrenico dello Stivale ha innescato due trombe marine avvistate dal lungo mare di Ostia, una delle quali ha toccato terra sulla spiaggia dissolvendosi però in pochi istanti e senza provocare danni. Intanto proseguono rovesci e temporali lungo praticamente l'intero versante tirrenico, più intensi in queste ore pomeridiane su Lazio, Campania e alta Calabria. Si segnalano accumuli pluviometrici di oltre 40mm sul Cosentino.

TIRRENICHE ANCORA NEL MIRINO DEI TEMPORALI. Passano le ore del mattino e sul versante tirrenico insiste una marcata instabilità, dalla Toscana alla Calabria. Rovesci e temporali risultano più insistenti però su Lazio e Campania, con accumuli pluviometrici che raggiungono i 30mm sul Frusinate. Sospinti dall'intenso flusso occidentale i fenomeni raggiungono anche l'Umbria, seppur in forma più debole, mentre sull'Appennino centro-settentrionale la neve cade dai 1400/1500m circa.

DIFFUSA INSTABILITA' IN SARDEGNA. Vicina al minimo di bassa pressione anche la Sardegna risente di una diffusa instabilità, con piogge e rovesci in avanzamento dal versante occidentale a quello orientale. Gli accumuli pluviometrici raggiungono i 30mm sulla zona del Gennargentu.

SITUAZIONE. Le correnti artiche che raggiungono le latitudini mediterranee alimentano una vasta circolazione depressionaria al cui interno si è formato un minimo secondario, centrato in queste ore in prossimità della Corsica. Dal suo centro si snoda un impulso di instabilità che coinvolge le nostre regioni tirreniche e il nord della Sicilia, un altro che raggiunge i settori occidentali della Sardegna, in entrambi i casi con rovesci e temporali, mentre forti venti occidentali spazzano gran parte dello Stivale. Nel frattempo la perturbazione che ha attraversato giovedì l'Italia si sta spostando verso i Balcani, ma riesce ancora ad interessare il Nordest con piogge e nevicate in montagna. Sta ormai abbandonando le regioni sudorientali, dopo che nella notte ha dato luogo a forti temporali in Puglia.

FORTI TEMPORALI IN PUGLIA NOTTE. All'alba di venerdì le precipitazioni sono ormai in via di esaurimento in Puglia, ma nella notte forti rovesci e temporali hanno interessato la regione, soprattutto il Salento. Quasi 70mm di acqua sono stati misurati in questa occasione a Taranto, 35mm nel Leccese.

PIOGGE AL NORDEST, NEVE SULLE ALPI. Anche le regioni nordorientali sono ancora alle prese con la parte finale della perturbazione giunta giovedì e in allontanamento verso est. In questo caso i fenomeni risultano più deboli, anche se diffusi all'alba su Veneto e Friuli VG, mentre sulle Alpi orientali sono in corso nevicate a partire dai 900/1000m.

TEMPORALI IN TOSCANA. Dal minimo di bassa pressione collocato in Corsica si snoda un impulso di instabilità che interessa le regioni tirreniche. In Toscana i rovesci si estendono dalla Versilia al Grossetano, specie lungo la costa. Temporali in corso all'Elba.

FORTE INSTABILITA' SUL BASSO TIRRENO. Tutta l'area basso tirrenica è alle prese con un sistema temporalesco pilotato dall'intenso flusso occidentale che innesca il minimo barico sulla Corsica. Coinvolte da rovesci e temporali Campania, Calabria e nord della Sicilia. Dalla mezzanotte accumuli pluviometrici fino a 28mm sul Cosentino. Qualche isolato fenomeno segnalato anche nel sud della Sicilia, tra Agrigentino e Ragusano.

FORTI RAFFICHE DA OVEST. Gran parte d'Italia è alle prese con un intenso flusso da ovest, soprattutto al largo dei macini occidentali. Ma fino ad ora è sul Salento che sono state registrate le raffiche più intense, con picchi di oltre 80km/h nel Salento.

METEO PROSSIME ORE. Schiarite al Nordovest in estensione a Lombardia, Trentino, Veneto ed Emilia Romagna in giornata, nuvoloso sul Friuli VG con piogge e rovesci e neve sulle Dolomiti dai 900/1100m, a quote inferiori sui confini alto atesini. Nuvoloso anche sul Levante Ligure con piogge e rovesci intermittenti. In serata peggiora in Lombardia ed ovest Emilia con piogge in arrivo e neve sulle Alpi dai 900m. Nuvoloso sulle regioni tirreniche dalla Toscana all'alta Calabria con piogge e rovesci intermittenti, anche temporaleschi, specie in serata tra Campania e Calabria dove saranno possibili locali grandinate. Precipitazioni in sconfinamento in giornata al versante adriatico tra Marche e alta Puglia, ma con minore intensità. Neve sull'Appennino centro-settentrionale dai 1300/1400m. Maggiori aperture e asciutto su bassa Puglia e regioni ioniche, un po' di variabilità in Sicilia con qualche pioggia o temporale sul settore settentrionale. Instabile in Sardegna con rovesci e temporali sul versante occidentale, anche forti, ma in attenuazione in serata. Venti forti da ovest-sudovest sul Tirreno centro-settentrionale e sullo Ionio, da nordovest sul Mar di Sardegna, moderati o tesi da ovest-sudovest sull'Adriatico, possibili mareggiate sulle coste occidentali sarde, della Sicilia e su quelle del medio-basso Tirreno. Per tutti i dettagli entra nella sezione Meteo Italia. Per le previsioni per il weekend clicca qui.

Meteo prossime ore
Meteo prossime ore

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati