2 maggio 2021
ore 23:51
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
4 minuti, 20 secondi
 Per tutti
Cronaca meteo Italia
Cronaca meteo Italia

FORTI TEMPORALI, NUBIFRAGI E GRANDINE AL NORD, PUNTE DI 150mm, LA SITUAZIONE: dopo una mattinata relativamente tranquilla l'instabilità è tornata a farsi sentire sulle regioni settentrionali e con la complicità di una circolazione di correnti più fredde in quota la convezione forzata ha dato luogo alla formazione di una lunga linea temporalesca che attualmente va dal Piemonte al Friuli quasi senza interruzione. I fenomeni più intensi sul Triveneto in particolare sulle pedemontane e Prealpi venete e friulane oltre che sulle Alpi Giulie ma con fenomeni che si sono estesi anche alle aree costiere tra Jesolo e Caorle. Accumuli fino a 150mm sono stati registrati in provincia di Udine, tra 40 e 60mm su Trevigiano e Bellunese. Accumuli localmente abbondanti anche sulla provincia di Bergamo con punte di 25-30mm mentre sono ancora provvisori gli accumuli tra 15 e 20mm dei temporali che stanno colpendo l'Alessandrino, l'Astigiano e il Novarese. In più di una occasione i fenomeni a tratti anche violenti sono stati accompagnati da grandinate

Da segnalare anche i forti venti occidentali che soffiano sulla costa ligure orientale e su gran parte della fascia tirrenica con punte tra Liguria e Toscana fino a 80km/h. Situazione decisamente tranquilla sul resto della Penisola dove prevalgono condizioni anticicloniche con qualche transito nuvoloso prevalentemente innocuo sulle Isole Maggiori e l'estremo Sud.

TEMPORALI DIURNI IN FORMAZIONE SULLE PREALPI. Passano le ore pomeridiane e si attiva una certa instabilità diurna in prossimità dei rilievi del Nord Italia, con alcuni rovesci o focolai temporaleschi che si stanno generando a ridosso delle Alpi dell'alto Piemonte, sulle Prealpi lombarde e del Veneto. Contemporaneamente prosegue l'instabilità sul Friuli VG con rovesci su Carnia e Giulia ed accumuli pluviometrici ormai prossimi agli 80mm dalla mezzanotte sull'area di Udine. Altri rovesci segnalati in Liguria sull'entroterra imperiese e sul basso Piemonte al confine con la Liguria e con il Pavese, fin su tratti del Piacentino.

INSISTONO ACQUAZZONI SUL FRIULI VG. Passano le ore ma sull'estremo angolo nordorientale dello Stivale insiste l'instabilità anche a fine mattinata, con coinvolgimento prevalentemente del Friuli VG dove piogge e rovesci accompagnati anche da qualche temporale. Notevoli gli accumuli pluviometrici sulle Prealpi Giulie, dove si superano ormai i 50mm dalla mezzanotte, quasi 40mm sulla Carnia.

MAREGGIATE IN TOSCANA. Forti venti da sudovest spazzano il Tirreno centro-settentrionale con raffiche fino a 60-70km/h e mareggiate che iniziano a farsi sentire sulla costa toscana settentrionale, fino al confine con lo Spezzino.

SITUAZIONE. Si stanno allontanando verso la Penisola Balcanica i due fronti che sabato hanno interessato l'Italia con condizioni di maltempo localmente forte, accompagnato da rovesci, temporali e locali nubifragi. Nella notte hanno ancora lasciato il segno, dando luogo a rovesci su gran parte delle regioni centro-settentrionali, ma anche al Sud. Ampie schiarite si sono affermate col passare delle ore, seppur alternate ad addensamenti che in qualche caso riescono ancora a dar luogo ad alcuni rovesci.

ROVESCI AL NORDEST. Ad inizio giornata si segnala la persistenza di alcuni rovesci sul Nordest, in particolare sul Friuli VG, dove solo nella notte gli accumuli pluviometrici hanno raggiunto i 25mm su alcune zone, come al confine tra Carnia e Giulia. Rovesci che si spingono fin verso la costa tra Goriziano e Triestino. Altre piogge sono in atto sull'Alto Adige, mentre si sono ormai attenuate sui rilievi lombardi, dove nella notte la neve è caduta fin verso i 1500m imbiancando Livigno.

ULTIME PIOGGE TRA EMILIA E LOMBARDIA. Una linea di rovesci ha attraversato verso l'alba parte della Val Padana, agendo lungo il corso del Po sul confine tra Lombardia ed Emilia occidentale, ma i fenomeni si stanno rapidamente esaurendo.

PIOVASCHI SULLA SICILIA IONICA. Legati al fronte risalito sabato dal Nord Africa ed ora in allontanamento verso il sud balcanico, le ultime piogge hanno agito in avvio di giornata sul versante ionico della Sicilia coinvolgendo soprattutto la costa siracusana, ma anche in questo caso con il passare delle ore si sta andando verso una loro attenuazione.

METEO PROSSIME ORE. Al Nord inizialmente variabile con ampie schiarite alternate ad addensamenti su Alpi, Lombardia e Triveneto dove rimarrà la possibilità di qualche rovescio. In giornata recrudescenza dell'instabilità su Prealpi e alte pianure lombardo-venete, oltre che sull'entroterra Ligure, specie di Levante con piogge e qualche temporale in sconfinamento serale ai settori padani a nord del Po, più intensi sul Friuli VG; ampie schiarite invece sulle Alpi. Tempo migliore al Centro-Sud con schiarite alternate a qualche annuvolamento alto e stratificato più spesso tra Sicilia e zone ioniche; maggiori addensamenti al pomeriggio lungo l'Appennino centro-settentrionale, con alcuni rovesci tra Umbria e interne marchigiane che potranno localmente sconfinare alla costa adriatica. Temperature in lieve diminuzione al Centro-Sud. Per tutti i dettagli entra nella sezione Meteo Italia. Per l'evoluzione prevista per la nuova settimana clicca qui.

Meteo Italia domenica 2 maggio
Meteo Italia domenica 2 maggio

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati