6 marzo 2020
ore 12:55
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 31 secondi
 Per tutti
neve
neve

VENTI FINO A 100km/h. La depressione che dall'Europa centrale si estende verso l'Italia è alimentata da un flusso di correnti fredde nordatlantiche di origine groenlandese che punta verso il confine atlantico franco-iberico, trasportate da impetuosi venti nordoccidentali. Questi raggiungono raffiche notevoli con punte fino a 100km/h sulla coste del Golfo di Biscaglia, accompagnate da intensi rovesci di pioggia e temperature che raggiungono i 10°C nemmeno nelle ore centrali del giorno.

NEVICA SOTTO I 1000M, MA IL GROSSE DEVE ANCORA ARRIVARE. Sulla zona pirenaica invece i fenomeni si trasformano in neve già da quote anche inferiori ai 1000m e i forti venti originano vere e proprie bufere. Ma il grosso del maltempo deve ancora arrivare ed è atteso nella giornata di sabato, quando le correnti provenienti dai quadranti settentrionali impatteranno direttamente sul versante francese della catena dei Pirenei. La quota neve è previste abbassarsi ulteriormente, anche fino a 600m nelle valli esposte a nordovest.


ATTESI FINO A 70CM DI NEVE. Quanto alle nevicate il grosso è atteso nella notte tra venerdì e sabato, con 30/50cm di accumulo di neve fresca a 1500m e punte di 70cm a quote più elevate, da 15 a 30 cm tra Luchonnais e Ariège e sulle pendici settentrionali dell'Andorra, 20 cm sul Capcir, 15 cm sull'Audoise Pirenei e 5-10 cm sull'Alta Cerdagna.

MIGLIORA NEL WEEKEND. Tra sabato e domenica il tempo tornerà a migliorare sui Pirenei e l'ondata di maltempo invernale tenderà ad esaurirsi, grazie alla rimonta di un campo di alta pressione dall'ovest iberico. Ciò comporterà un rasserenamento del cieli durante la notte ed un conseguente calo delle temperature minime a tutte le quote che consentirà il consolidamento del manto nevoso appena caduto.

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati