26 gennaio 2022
ore 11:51
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 29 secondi
 Per tutti
La tempesta tropicale Ana prima del landfall sul Madagascar a inizio settimana
La tempesta tropicale Ana prima del landfall sul Madagascar a inizio settimana

Negli ultimi giorni il Madagascar è stato bersagliato da piogge torrenziali causate da più sistemi perturbati, tra anche uno tropicale che è poi evoluto nella tempesta Ana, destinata ad inizio settimana a Mozambico e Malawi, nel continente africano, dove anche in questo caso ha provocato pesanti inondazioni. La lunga fase di maltempo che ha colpito la capitale Antananarivo e altre zone della regione di Analamanga, nella fascia centrale del paese, ha provocato la morte di 34 persone, in molti casi per il crollo di abitazioni investite da frane o trascinate via dalla furia delle acque straripate.



Secondo fonti locali più di 60 mila persone sono state coinvolte dalle piogge alluvionali, la quasi totalità nei distretti di Antananarivo-Renivohitra. Quasi 7 mila abitazioni sono state distrutte o gravemente danneggiate e rischiano di crollare da un momento all'altro. 27 mila persone sono state evacuate lo scorso fine settimana, altre 8 mila questa settimana. Ma è un numero destinato a salire, poiché pur in assenza di un sistema tropicale definito l'isola dell'Oceano Indiano continua ad essere alle prese con episodi di forte maltempo e il livello dei corsi d'acqua risulta in costante crescita.


Il forte maltempo ha danneggiato strade e altre infrastrutture nella regione di Analamanga, oltre all'acquedotto nel distretto di Ambohidratrimosome. Critica la situazione dei collegamenti stradali a causa delle piogge torrenziali che hanno danneggiato o in alcuni punti distrutto tratti della strada che collega la capitale Antananarivo con la fascia orientale dello stato. E non è finita, perché nei prossimi giorni si prevedono altre intense piogge o addirittura la possibilità di formazione di nuovi sistemi tropicali, senza escludere che alcuni di questi possano raggiungere l'intensità di cicloni tropicali.



Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati