27 luglio 2021
ore 23:51
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 21 secondi
 Per tutti
Devastazione per gli incendi a Cuglieri
Devastazione per gli incendi a Cuglieri

Dopo più di 48 ore a cercare di arginare le fiamme la situazione sta migliorando nell'Oristanese. I soccorritori sono riusciti a bloccare il grosso del vastissimo incendio che ha mandato in fumo circa 20 mila ettari di boschi, anche se il bilancio è ancora provvisorio. Si è trattato di uno dei peggiori incendi di sempre in Sardegna, che ha devastato boschi e ucciso animali, per il quale sono state fatte evacuare 1500 persone tra Oristanese e Ogliastra.

Ora la situazione è sotto controllo anche se molto precaria, qualche focolaio è ancora presente e altri di piccole dimensioni di tanto in tanto riescono a ripartire, ma sono costantemente monitorati. Si tratta adesso di bonificare l'intera zona. Tra tutti rimane un solo fronte che preoccupa ancora, quello tra Scano, Sindia e Sagama, nell'Oristanese, ma di dimensioni assai più ridotte rispetto a domenica.

'I danni sono immensi, il Montiferru, la flora e la fauna sono perduti, la valle degli olivi, l'olivastro millenario non esistono più. Aziende intere distrutte, animali bruciati, molti hanno perso tutto. Non ci sono state vittime grazie alla macchina dei soccorsi e alle persone di Cuglieri, che unite hanno fatto fronte a questa catastrofe senza precedenti. L'emergenza non è finita, il fuoco non si è fermato e i luoghi vanno messi in sicurezza, bonificati. Le persone sono rientrate nelle proprie abitazioni, in alcuni quartieri non era presente l'acqua perché le condotte sono andate distrutte', riferiscono dal Comune di Cuglieri, dove tra l'altro è stato distrutto l'olivastro millenario 'Sa Tanca Manna', simbolo del Paese.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati