1 settembre 2021
ore 13:02
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 45 secondi
 Per tutti
L'uragano Ida nel momento del landfall in Louisiana
L'uragano Ida nel momento del landfall in Louisiana

Il centro di Ida si trova in prossimità dei confini tra Kentucky e Virginia, ormai declassato a semplice depressione tropicale ma ancora in grado di distribuire piogge abbondanti su parte degli stati nordorientali degli USA. Sulle zone colpite da Ida quando era ancora uragano le condizioni sono migliorate, ma si fa più concreto il bilancio dei danni e delle vittime provocate dal suo passaggio. Il numero delle vittime è salito quattro, due delle quali lunedì a Lucedale, nel Mississippi, a causa del crollo di un ponte autostradale durante il loro passaggio per le piogge torrenziali.


In Louisiana, dove Ida ha fatto landfall come uragano di categoria 4, molti edifici sono stati parzialmente o totalmente danneggiati, con i tetti divelti dalla furia del vento. Diverse strade sono ancora ricoperte di detriti, molte abitazioni sono tuttora senza energia elettrica e senza collegamento internet. Fortunatamente quasi tutti gli argini del Mississippi nel tratto in cui scorre nella Louisiana hanno retto l'onda di piena, ad eccezione di uno ad Alliance, circa 35km a sud di New Orleans e di un altro a Jean Lafitte, anche in questo a sud di New Orleans, devastando la città.


Danni e devastazioni anche a La Place, circa 50 chilometri ad ovest di New Orleans, a causa dell'esondazione del Mississippi e dei venti con la forza di uragano. Molti residenti che non erano stati evacuati hanno dovuto trasferirsi ai piani alti delle case per l'innalzamento del livello dell'acqua, senza la possibilità di chiamare i soccorsi per l'interruzione delle linee telefoniche. Quasi un milione di abitanti sono ancora senza corrente elettrica nello stato della Louisiana.


Intanto al largo dell'Atlantico si sta intensificando la tempesta tropicale Larry, destinata a diventare uragano giovedì, di categoria 3 sabato quando verrà a trovarsi alle coordinate 15.5N 42.0W, ovvero un migliaio di chilometri dalle isole dei Caraibi più orientali. Da monitorare la sua rotta successiva poiché dalla prossima settimana potrebbe avvicinarsi minaccioso alla terraferma.

La rotta prevista dell'uragano Larry (Fonte: National Hurricane Center)
La rotta prevista dell'uragano Larry (Fonte: National Hurricane Center)

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati