20 settembre 2019
ore 11:37
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
3 minuti, 9 secondi
 Per tutti

AGGIORNAMENTO VENERDI' ORE 8:00 - Il fronte freddo giunto ieri dal Nord Europa ha innescato rovesci e temporali localmente intensi, per quanto distribuiti in modo estremamente disomogeneo, colpendo duramente alcune aree e lasciando a secco aree anche appena limitrofe. Mercoledì è stato il turno del Nord, giovedì del Centrosud. Fenomeni anche intensi hanno colpito in particolare Marche, grossetano, nord Umbria, viterbese, basso Lazio in generale ( specie le province di Frosinone, Latina e i Colli Romani), nonchè Puglia garganica, materano e tarantino dove si sono registrati picchi locali di oltre 40-50mm. Proprio tra materano e Murge pugliesi non sono mancate forti grandinate. Rovesci e temporali non hanno risparmiato neanche Campania e Calabria giungendo dal Tirreno. Forti temporali si sono altresì sviluppati anche in Sicilia, in particolare sulla fascia centrale: colpite in particolare il Nisseno, l'ennese ( qui oltre 70mm ) e il catanese, con locali nubifragi, allagamenti, grandinate e disagi alla circolazione, specie sull'A19. 


AGGIORNAMENTO ORE 16,30. Ha ormai raggiunto il versante ionico il fronte provenuto dal Nord Europa, dopo aver attraversato praticamente tutta Italia da nord a sud. Nel pomeriggio forti temporali hanno interessato la Calabria, dapprima il versante tirrenico, poi anche quello ionico, coinvolgendo la Basilicata e raggiungendo il Golfo di Taranto. I fenomeni sono stati caratterizzati da diverse fulminazioni e precipitazioni spesso grandinigene, tanto che in poche decine di minuti si sono raggiunti accumuli di quasi 40mm sul Crotonese.

Altri temporali si sono intensificati sulla Sicilia ionica, specie sul Catanese. Nel frattempo il tempo è migliorato non solo al Nord ma anche su parte di Toscana e Marche, mentre proseguono fenomeni a tratti temporaleschi sparsi su Lazio, Umbria e Abruzzo.

AGGIORNAMENTO ORE 15. La perturbazione continua la sua marcia verso sud, tanto che al Nord Italia la situazione va già migliorando ed ampie schiarite hanno conquistato Triveneto e parte della Val Padana, oltre alla costa della Liguria. Ora il grosso del maltempo si concentra sulle regioni centro-meridionali, soprattutto su quelle del basso Tirreno ma anche sul sud della Puglia. Piogge e temporali a tratti intensi si accaniscono infatti sulle coste della bassa Campania, alta Calabria, dorsale appenninica campano-molisana e Salento.

A Bari le forti piogge del mattino hanno provocato alcuni allagamenti in città e costretto alla chiusura del sottopasso di Via La Rotella, nella zona industriale. Disagi e allagamenti inoltre in Fiera e sulla tangenziale, anche a causa della scarsa visibilità per la forte pioggia.

PROSSIME ORE. Al Nord schiarisce sul Triveneto a partire dalle Alpi, ultimi piovaschi su Piemonte occidentale e Romagna, in esaurimento e con tendenza a schiarite da nord sulla Val Padana. In serata ampie schiarite un po' ovunque. Al Centro tempo instabile con piogge e temporali sul versante adriatico, anche intensi sulle zone interne, ma in attenuazione entro sera con tendenza a schiarite a partire dalle Marche. Instabilità a tratti sul versante tirrenico con temporali sparsi più frequenti sul basso Lazio, ma in attenuazione entro sera e con tendenza a schiarite. In Sardegna fenomeni brevi ed isolati solo versante tirrenico. Al Sud instabilità in aumento con piogge e temporali che diverranno localmente intensi in Puglia, specie centro-settentrionale, entro sera anche in Campania, Lucania e alta Calabria, sporadici o assenti sul resto della Calabria e in Sicilia. Venerdì miglioramento, salvo ultimi piovaschi al Sud. Per tutti i dettagli entra nella sezione Meteo Italia.


Allerte previste nei prossimi giorni: clicca qui.

Segui in diretta l'evoluzione consultando la nostra sezione SATELLITI.

Precipitazioni previste nei prossimi giorni. Ecco i dettagli grafici.

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati