17 novembre 2019
ore 19:05
di Carlo Migliore
tempo di lettura
4 minuti, 18 secondi
 Per tutti

Situazione ore 14.00: L'ennesima ondata di maltempo colpisce l'Italia da Nord a Sud, il ciclone arrivato fin dalla sera di sabato ha aperto questa giornata di domenica con forti piogge, temporali, neve abbondante sulle Alpi con fiocchi anche a Bolzano e venti tempestosi. Attesa anche acqua alta eccezionale a Venezia con picchi di 160cm intorno alle 13.00. Un lungo fronte perturbato che si staglia dalla Campania all'estremo Nordest sta portando piogge copiose con accumuli dalla mezzanotte anche oltre i 130m. Particolarmente critica la situazione in Toscana dove sono caduti fino a 150mm di pioggia nel Grossetano, i corsi d'acqua di tutta la regione sono diffusamente al di sopra dei livelli di guardia con diverse tracimazioni sul basso Senese. Il fiume Albegna in piena ha superato il secondo livello di guardia e in alcuni punti della campagna ha tracimato senza però raggiungere alcuna abitazione. l'Arno è salito sopra al secondo livello di guardia a Firenze, superando i 5 metri sull'argine. 

La Protezione civile della città metropolitana di Firenze invita i cittadini a "non sostare vicino ad argini e sponde". Supera il primo livello di guardia anche il fiume Bisenzio a San Piero a Ponti ed è già al secondo livello l'Ombrone a Poggio a Caiano. Attivate le sale del servizio di piena dei Geni Civili Valdarno Superiore e Centrale. Hanno raggiunto poi il secondo livello di guardia l'Ema nella zona di Grassina e Strada in Chianti (ora è in calo) e anche l'Elsa a Poggibonsi. A Pisa è attesa una piena eccezionale in serata. Attivate le paratie di rinforzo sopra le spallette in città. Fiumi ingrossati e allagamenti anche nella regione Lazio e in Campania dove in poche ore sono caduti fino a 120mm di pioggia. Segnalate criticità anche nella provincia di Napoli dove sono caduti oltre 60mm in meno di due ore. Numerose le criticità anche in Emilia Romagna con diverse esondazioni, anche il Reno è esondato a Bologna nel comune di Castel maggiore

E' tornata anche l'emergenza neve sul Trentino dove nevica fino a quote basse con neve mista anche a Bolzano e merano. Tra gli accumuli più importanti oltre 50cm freschi a Madonna di Campiglio con accumuli anche oltre il metro a 1500m. Lo scirocco ha invece fatto salire la quota neve fino a 1800-2000m su Veneto e Friuli con abbondanti accumuli in quota ma con fusione del manto nevoso precedentemente accumulato alle quote inferiori e conseguenti criticità, specie sulle Dolomiti bellunesi. Sulla Carnia cumulate precipitazioni tra 250 e 300 mm nelle ultime 38 h. 

La neve è caduta abbondante anche sull'Appennino settentrionale fino a quote relativamente basse, con fiocchi che nella notte si son spinti temporaneamente a 300m tra Appennino Parmense e Reggiano. A condire il tutto una fortissima ventilazione di scirocco che ha penalizzato nella notte la costa tirrenica con raffiche fino a 100km/h tra Lazio e Campania e frequenti mareggiate. Attualmente venti forti interessano soprattutto l'Adriatico con raffiche anche oltre i 90kmh. Proprio la forte ventilazione di scirocco fa temere nuovi picchi di marea sulla laguna di venezia con punte a ora di pranzo tra 155 e 160cm.
A Portogruaro l'antica pescheria "ai Molini" è stata invasa dalle acque del Lemene. Anche a Budrio (BO) e Castenaso (BO), nel primo pomeriggio, si sono registrate criticità idrogeologiche, in particolare si è riscontrata la rottura dell'argine del fiume Idice.

La previsione per le prossime ore:

Meteo domenica: Nord insiste forte maltempo tra Emilia Romagna, Lombardia e Nordest con precipitazioni copiose e abbondanti nevicate sull'Arco alpino dalle quote collinari del Trentino fino a oltre 1500-1800m in calo serale di Dolomiti e Friuli. Neve anche sull'Appennino. Fenomeni più intermittenti e deboli al Nordovest. Nella seconda parte della giornata i fenomeni tenderanno a diminuire di intensità. Attesa acqua alta eccezionale a Venezia con un picco intorno alle ore 13.00 tra 155 e 160cm. Centro maltempo diffuso al mattino con piogge e temporali anche forti, dal pomeriggio fenomeni più intermittenti e meno intensi con aperture via via più ampie a iniziare da ovest. Sud maltempo sulle regioni tirreniche con forti temporali che dalla Campania si estenderanno anche a Calabria, Sicilia nord orientale, Basilicata e Puglia. Fenomeni meno intensi sulla Sicilia occidentali. Temperature in calo sulle regioni tirreniche, in lieve aumento su Adriatiche e Nordest. Venti forti meridionali con raffiche di scirocco fino a 100km/h lungo l'Adriatico, intensità in calo in giornata a iniziare da ovest. Mari molto mossi o agitati con burrasche e mareggiate lungo le coste esposte.

Per maggiori dettagli previsionali consultate l'apposita sezione meteo Italia.


Per conoscere nel dettaglio lo stato dei mari e dei venti clicca qui.


Per la tendenza meteo consulta le nostre previsioni a medio e lungo periodo.


Allerte previste nei prossimi giorni: clicca qui.


Segui in diretta l'evoluzione consultando la nostra sezione delle webcam.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati