9 gennaio 2021
ore 23:52
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
3 minuti, 3 secondi
 Per tutti
Cronaca meteo Italia
Cronaca meteo Italia

SITUAZIONE. Un profondo vortice di bassa pressione si sta scavando sul Mediterraneo occidentale e dal suo centro si dipartono impulsi perturbati diretti verso est, uno dei quali ha raggiunto l'Italia generando un peggioramento sin dalla serata di venerdì a partire dalla Sardegna. Nel corso di sabato si sta estendendo verso le regioni peninsulari, determinando un deterioramento anche al Centro-Sud. Rimane fuori dai giochi il Nord Italia, dove giungono solo nubi medio-alte e stratificate, per il momento improduttive, ma in un contesto climatico molto freddo.

PRATICAMENTE ESTATE IN SICILIA. Mentre gran parte d'Italia è alle prese con freddo e neve a bassa quota, l'estremo Sud Italia sta vivendo uno scorcio climaticamente estivo, a causa della risalita di correnti calde nord africane. Direttamente interessata la Sicilia dove, complici venti di caduta meridionali, nel suo versante nord si stanno raggiungendo temperature praticamente estive. Nel pomeriggio punte di 27°C sul Messinese tirrenico, 26°C sul Palermitano, ma si segnalano anche punte si 21°C in Calabria sul Reggino.

NEVE A L'AQUILA. Nel pomeriggio la neve ha raggiunto anche il capoluogo abruzzese e ha imbiancato l'Aquila imbiancando anche le strade con alcuni centimetri di neve. La temperatura è gradualmente scesa fin verso gli zero gradi, permettendo ai fiocchi di attaccare al suolo.

QUASI 30MM IN SARDEGNA. L'isola è stata la  prima delle regioni ad essere raggiunta dalla perturbazione, con le piogge che si sono intensificate sin dalla serata di venerdì e sono proseguite per tutta la notte. Solo dalla mezzanotte i pluviometri arrivano a segnare quasi 30mm sulle zone interne del Nuorese. Si segnalano inoltre venti tesi in Sardegna con raffiche orientali fino a 60km/h.

PIOGGE AL CENTRO-SUD. Nel corso della notte la parte più avanzata della perturbazione ha raggiunto le regioni peninsulari con qualche pioggia al Centro-Sud, in particolare a partire da Lazio e Abruzzo verso meridione. Ancora asciutto sul resto delle regioni centrali, dove comunque il clima si mantiene piuttosto freddo. Deboli nevicate sono segnalate sull'Appennino oltre i 900/1000m tra Abruzzo e Molise.

MINIME SOTTO ZERO AL NORD. Solo nubi alte e stratificate raggiungono il Nord Italia, che rimane al di sopra del passaggio della perturbazione. L'aria fredda che continua ad affluire dall'Artico mantiene i valori minimi piuttosto bassi e spesso sotto 0°C: -3°C a Torino, Milano e Verona. Freddo intenso sulle conche alpine con punte di -10°C ad Aosta, -9°C a Bolzano, anche -15°C sopra i 1000m.

PROSSIME ORE. Iniziale maltempo in Sardegna con piogge e rovesci che tenderanno ad attenuarsi da sud in giornata, ma la sera nuovi fenomeni sul Cagliaritano. Piogge sulle regioni centro-meridionali peninsulari con fenomeni che diverranno più diffusi sul Lazio e sul versante adriatico, ad eccezione dell'alta Toscana dove risulteranno più isolati e giungeranno solo in serata, nevoso dai 200/400m. Neve a quote collinari su Toscana e Marche, più elevate su Abruzzo, Lazio e Molise (dagli 800m circa). Neve a quote sempre più elevate sul restante Appennino Meridionale e temperature in aumento su tutto il Sud. Parzialmente nuvoloso al Nord per nubi medio-alte e stratificate che offuscheranno il cielo, schiarite più ampie su Alpi e alta Val Padana, ma in un contesto sempre molto freddo. Farà eccezione la Romagna, dove entro sera giungerà qualche pioggia in risalita dall'Adriatico, con neve dai 200/400m. Per tutti i dettagli entra nella sezione Meteo Italia. Per l'evoluzione per domenica clicca qui.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati