6 dicembre 2021
ore 23:48
di Carlo Migliore
tempo di lettura
4 minuti, 35 secondi
 Per tutti

AGGIORNAMENTO SERALE: insiste il maltempo al Sud Italia con rovesci e temporali più insistenti su Sicilia occidentale e Puglia. Fenomeni più sparsi altrove, qualche pioggia anche in Calabria e sulle coste abruzzesi. Cieli sereni invece al Nord, Toscana, Lazio e in Sardegna. Temperature vicine allo zero sulle pianure settentrionali e centrali, decisamente più mite al Sud. Situazione tutto sommato tranquilla. Crollo termico sui rilievi, alle ore 22:00 si registrano -18°C a Livigno.

Tromba d'aria davanti al litorale di Crotone questo pomeriggio.


ANCORA TANTA PIOGGIA IN CAMPANIA, SUPERATI I 40mm, NEVE IN APPENNINO FINO A QUOTE COLLINARI: Il vortice di bassa pressione alimentato da aria fredda di matrice artica continua ad evolversi sul basso Tirreno rinnovando maltempo soprattutto tra la bassa Campania e l'alta Calabria dove dalla mezzanotte si sono nuovamente superati i 40mm di accumulo. Molti temporali sono transitati anche sulla Puglia, soprattutto sul Salento e a tratti anche sulla Sicilia occidentale e lo Ionio. Ultimi fenomeni hanno invece interessato Lazio e Abruzzo dove il tempo sta migliorando ulteriormente. Intanto l'ulteriore calo delle temperature ha favorito un calo della quota neve anche sull'Appennino meridionale. In Campania nevica dagli 800-1000m così come anche sulla Basilicata. Imbiancata anche la cima del Vesuvio a Napoli mentre in Irpinia al di sopra dei 1000m il manto fresco supera già i 10cm.

PIOGGE ABBONDANTI AL SUD E ADRIATICO, ALTRI 30mm IN CAMPANIA, INSTABILITA' RESIDUA SUL LAZIO: il vortice di bassa pressione centrato sul basso Tirreno continua ad alimentare condizioni di instabilità sulle regioni meridionali, il medio Adriatico e la Sardegna. Accumuli nuovamente abbondanti in Campania con punte di 30-32mm nel Salernitano ma pioggia moderata anche in Molise con accumuli fino a 20-25mm e neve sopra gli 800-1000m. Neve anche a Capracotta, il comune più nevoso d'Italia. Qualche pioggia a carattere residuo e debole interessa invece il Lazio mentre migliora su Marche e Abruzzo con ultimi piovaschi su Pesarese. Qualche ultima debole pioggia anche sulla Romagna con fiocchi sull'Appennino forlivese fino a 700-800m

VORTICE DI MALTEMPO SUL BASSO TIRRENO - Aria fredda di matrice artico-marittima continua ad affluire sul Mediterraneo passando sia dalla Valle del Rodano che dall'alto Adriatico. I due flussi convergono sul Tirreno meridionale per alimentare un minimo di bassa pressione posizionato tra la Campania e la Sicilia. Attorno al minimo ammassi nuvolosi irregolari rinnovano instabilità soprattutto sul versante adriatico, parte della Sardegna, la Sicilia e praticamente tutto il Sud Peninsulare. I fenomeni risultano spesso a carattere temporalesco e nevosi in Appennino centrale fino a 400-700m, oltre 800-1000m su Campania e Basilicata con una spolverata anche sul Vesuvio a Napoli, a quote di medio alta montagna tra Sicilia e Calabria. Neve debole anche sull'Appennino Forlivese oltre i 600m. Piogge abbondanti avevano già interessato la Campania, la Basilicata e la Calabria nella giornata di domenica con accumuli fino alla mezzanotte di 80mm sul Salernitano e 65mm sul Potentino. Nevicate avevano invece interessato soprattutto l'Appennino centrale tra Marche, Lazio e Abruzzo fino a 500-700m ma con accumuli freschi oltre i 1200m sui Sibillini e il Gran Sasso anche oltre i 20cm. Occasionalmente sul Lazio i fiocchi erano scesi fino a 300m.

E sono state proprio le abbondanti nevicate a causare un incidente nel Teramano dove un escursionista risulta disperso nella zona del Monte Gorzano. Attualmente le ricerche sono ancora in corso.

Dalla mezzanotte ulteriori apporti pluviometrici in Campania e Calabria fino a 22mm, superati dunque i 100mm nelle 24ore. Sotto il profilo termico, i cieli sereni hanno favorito forti gelate al Nord con temperature attualmente ancora sotto lo zero fino a -3/-4°C in Piemonte e -1/-3°C su Lombardia ed Emilia. Sottozero anche le valli toscane e umbre mentre più a sud prevalgono valori positivi. Nel corso delle prossime ore l'area di bassa pressione continuerà a mantenere la sua posizione rinnovando instabilità soprattutto al Sud e sul medio Adriatico. Un blando promontorio di alta pressione tenderà invece a proteggere le regioni centrali tirreniche e quelle settentrionali portando maggiore stabilità. Vediamo allora le previsioni per le prossime ore: 

 

PREVISIONE LUNEDÌ 6 DICEMBRE PROSSIME ORE: Nord, addensamenti irregolari in Emilia Romagna con qualche debole fenomeno sulla Romagna, nevoso dai 500m e in esaurimento entro il pomeriggio. Più sole altrove salvo foschie e banchi di nebbia in pianura in dissolvimento per le ore centrali. Centro, residui piovaschi sul Lazio in esaurimento, più sole sulla Toscana e in Umbria. Nubi irregolari lungo l'Adriatico con piogge e rovesci, occasionalmente temporaleschi e neve in Appennino dai 500-700m.  Migliora entro sera. Instabile anche sulla Sardegna con rovesci, temporali e neve dai 500-600m. Sud, instabilità diffusa con piogge e rovesci, anche temporaleschi specie la sera su Calabria e Sicilia. Miglioramento serale in Campania. Neve in Appennino in calo a 700-800m tra Campania e Basilicata. Oltre i 1000-1200m su Calabria e Sicilia. Temperature in diminuzione al Sud e lungo l'Adriatico, stabili altrove. Venti tesi dai quadranti settentrionali con residuo libeccio sullo ionio. Mari molto mossi o agitati.  


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati