27 luglio 2022
ore 23:45
di Carlo Migliore
tempo di lettura
2 minuti, 55 secondi
 Per tutti

ORE 19:00 - FORTI TEMPORALI CON GRANDINE TRA BASSO PERUGINO E TERNANO - situazione attuale che vede un miglioramento graduale su parte dell'Abruzzo, dopo i devastanti temporali con intense grandinate avvenuti nel corso del pomeriggio: piogge residue tra Majella e Vastese e localmente sui settori tra basse Marche e Teramano, in rapido esaurimento. Forti temporali con grandine hanno interessato parte dell'Umbria nel corso del pomeriggio, a partire dai settori centro-orientali, basso Perugino e attualmente molto intensi sul Ternano; precipitazioni che stanno traslando verso il Reatino, Valle del Tevere e sull'Aquilano, dove a breve sono previsti anche qui rovesci a carattere temporalesco. Piogge che nelle prossime ore potranno interessare anche i settori interni della Provincia di Roma e il comparto appenninico centrale del Lazio. Il fronte temporalesco ha interessato anche parte del Sud versante Adriatico portando intensi fenomeni anche a Pescara, Vasto e Termoli con grandine di grosse dimensioni; in Puglia colpita in particolare la provincia di Foggia; un nubifragio con tanto di grandine ha interessato Lucera con accumuli oltre i 60mm. A Foggia città le raffiche di vento hanno sradicato un albero e un palo della luce ma senza conseguenze. Bagnanti in fuga a marina di Lesina. Temporali di forte intensità sul Gargano in discesa verso il Golfo di Manfredonia e la Bat. Anche la Basilicata è stata interessata dalle precipitazioni, in particolare il melfese. Isolati temporali hanno coinvolto Sila e Pollino.

ORE 16:30 - NUBIFRAGI E GRANDINE DISTRUTTIVA TRA MARCHE E ABRUZZO - Terminata l'emergenza maltempo al Nord, colpito da fenomeni estremi tra la sera e la notte, se n'è subito aperta un'altra ma questa volta per il Centro. Sin dalle prime ore del pomeriggio hanno iniziato a svilupparsi cellule temporalesche di una certa importanza lungo l'Appennino, col trascorrere delle ore i temporali sono diventati diffusi e imponenti assumendo a tratti i caratteri di supercella come nel caso delle Marche. I fenomeni si sono dimostrati violenti, a prevalente carattere grandinigeno e con chicchi di grandi dimensioni anche più grossi di un arancia. Particolarmente colpita la zona di Ascoli Piceno dove la grandine ha distrutto centinaia di automobili facendo danni rilevanti anche ai tetti







Molti allagamenti vengono segnalati nella provincia di Macerata dove si sono registrate punte di più di 60mm in un'ora. Situazione analoga in Abruzzo con il Pescarese e il Teramano colpito da temporali, nubifragi e grandine di grosse dimensioni, attualmente fenomeni forti stanno interessando Chieti, Lanciano e Ortona sulla costa. 

Temporali anche in Umbria, in particolare nella zona di Gubbio. I rovesci di pioggia e di grandine hanno causato un repentino calo delle temperature lungo il medio Adriatico scese in meno di mezz'ora anche di più di 10°C e attestandosi non oltre i 18-20°C contro i più di 30°C della tarda mattinata. 

TEMPORALI ANCHE AL SUD - Temporali a macchia anche tra Molise, Puglia e Basilicata, una replica dopo quelli forti registrati nella giornata di martedì. 

I nuclei più attivi in questo momento si trovano nella zona di Termoli e sono sono anche forti, altri al confine con la provincia settentrionale di Foggia, forti anche tra a cavallo tra Basilicata e Murge tra Spinazzola e Borgo taccone. Temporali anche più a Sud nella zona di Senise.


Seguici su Google News


Articoli correlati