26 gennaio 2021
ore 0:01
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
4 minuti, 24 secondi
 Per tutti
Meteo lunedì
Meteo lunedì

SITUAZIONE. Il flusso perturbato atlantico continua ad interessare l'Italia con intensi fronti in transito, uno dei quali ha abbandonato il Sud Italia nella notte mentre uno nuovo ha già raggiunto il Centro-Nord. Tutti i fronti si susseguono a breve distanza l'uno dall'altro, sospinti da un intenso flusso di correnti mediamente occidentali che rendono i mari agitati e creano disagi anche nei collegamenti marittimi. L'aria fredda di matrice nord atlantico che spinge i fronti favorisce nevicate fino a quote basse.

BUFERE DI NEVE SULL'APPENNINO TOSCO-EMILIANO. Soffiano venti molto forti anche sull'Appennino Tosco-Emiliano, dove si registrano accumuli di neve fresca fino a 30cm nelle ultime 24 ore sul confine ad una quota di circa 1300m. La neve cade anche a quote basse, già a partire dai 400m circa con disagi nella circolazione stradale, in particolare sulla E45 che in mattinata ha subito temporanee chiusure al traffico.

NEVE IN APPENNINO, DISAGI TRA TOSCANA ED EIMILIA. La neve che cade fino a bassa quota sta creando non pochi disagi alla circolazione stradale tra Emilia e Toscana, in particolare sulla E45 tra San Sepolcro (AR) e Bagno di Romagna (FC) con chiusura dell'entrata di San Sepolcro. Da quanto si apprende anche i mezzi di soccorso e spazzaneve hanno tardato ad entrare in azione, complicando ulteriormente la situazione.

MAREGGIATE IN TOSCANA. Il forte vento che soffia dai quadranti occidentali spazza le coste tirreniche con raffiche che raggiungono localmente i 100km/h. Ne conseguono alcune mareggiate su tratti costieri, come in Toscana nel litorale pisano.

NEVE A BASSA QUOTA IN ROMAGNA. In corrispondenza dei fenomeni più intensi si abbassa il limite delle nevicate sulla Romagna, dove i fiocchi si spingono localmente fin verso i 100/200m di quota. A Forlì temperature in picchiata in mattinata, dai 6°C delle ore 10 ai +1°C delle ore 12.

ROVESCI RAGGIUNGONO LA CAMPANIA. La parte più avanzata della perturbazione ha raggiunto parte delle regioni meridionali con rovesci in transito fino al Salernitano. Nel frattempo i fenomeni hanno coinvolto gran parte del Lazio nel corso del mattino e insistono sul resto del Centro Italia coinvolgendo Toscana orientale, Romagna, Marche, Umbria e Abruzzo. Nevica a quote basse, fiocchi in Abruzzo fino a 700m che imbiancano Avezzano.

UN FRONTE HA ABBANDONATO IL SUD. Si è portato ormai sui Balcani, ma fino a questa notte un vecchio sistema frontale si è attardato sulle regioni meridionali coinvolgendo soprattutto il versante tirrenico con forti piogge in Calabria ed accumuli pluviometrici fino a 140mm nell'alto Cosentino. Oltre alla pioggia si segnalano anche le forti raffiche di vento, anche oltre i 100km/h. A causa dei venti forti sono state sospese domenica le corse dei mezzi veloci per Pozzuoli e per Napoli. Il maltempo ha interessato anche la Campania nella giornata di domenica, con diversi corsi d'acqua in piena o esondati, tra cui il torrente Cardito nel comune di Cervinara (Avellino) a causa del quale tre famiglie sono state evacuate.

NUOVO FRONTE AL NORD. Intanto un nuovo fronte ha raggiunto nella serata di domenica le Alpi occidentali dove sono riprese le nevicate, accompagnate da raffiche di vento che hanno dato luogo a vere e proprie bufere di neve, anche se nella notte i fenomeni si sono già attenuati e spostati verso il Centro Italia.

UNA VITTIMA PER VALANGA DOMENICA SULLE ALPI. A causa delle abbondanti nevicate che negli ultimi giorni hanno interessato l'arco alpino una valanga ha travolto un escursionista a quota 2300m nel Bresciano, deceduto in poco dopo in ospedale dove è stato trasportato in codice rosso.

MALTEMPO AL CENTRO ITALIA, NEVE A BASSA QUOTA. Il fronte giunto nella notte si è portato rapidamente sulle regioni centrali con rovesci che si concentrano tra Toscana, Umbria e Marche, fino a sconfinare alla Romagna. Le temperature permettono alla neve di cadere fino a quota 500/700m, a tratti anche più in basso con fiocchi che hanno imbiancato Perugia. Nel frattempo i fenomeni si stanno estendendo verso sud raggiungendo a tratti il Lazio e le zone interne dell'Abruzzo.

METEO PROSSIME ORE. Bel tempo al Nord salvo fiocchi sui confini alpini centro-occidentali e qualche pioggia su Romagna, Veneto e Friuli VG, in graduale attenuazione nel corso della giornata. Il maltempo si concentra sulle regioni centrali con piogge e rovesci diffusi e a tratti intensi, specie sul Lazio, nevosi dai 400/700m, ma tendenti ad abbassarsi ulteriormente la sera, quando però si esauriranno in Toscana dove subentreranno ampie schiarite in estensione al Lazio settentrionale. Tempo instabile sul sud peninsulare con piogge e rovesci più frequenti sulle regioni tirreniche, in intensificazione in serata e in estensione fino alla Puglia. Fenomeni in arrivo anche in Sicilia. Neve sull'Appennino meridionale dai 1200/1400m. Venti forti mediamente da ovest-sudovest, mari agitati con possibili mareggiate sulle coste occidentali delle isole maggiori e su quelle tirreniche e rischio ulteriori disagi nei collegamenti marittimi. Per tutti i dettagli entra nella sezione Meteo Italia.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati