20 maggio 2022
ore 11:13
di Lucia Drago Pitura
tempo di lettura
1 minuto, 6 secondi
 Per tutti


La tempesta suptropicale, denominata Yakecan, si sta allontanando dalle coste meridionali del Brasile e ore si trova sull'oceano Atlantico. In un primo momento i meteorologi avevano classificato l'evento come ciclone subtropicale, tuttavia, dopo una nuova valutazione martedì (17/05), la Marina e l'Istituto Nazionale di Meteorologia (Inmet) lo hanno classificato come una tempesta subtropicale.

Il passaggio da ciclone a tempesta è dovuto a raffiche di vento più forti e a maggiori effetti distruttivi. I forti venti hanno causato molti danni alle abitazione, alle reti elettriche e sradicato alberi. Le rivelazioni evidenziano raffiche di vento notevoli, che hanno raggiunto i 107,6 km/h nella regione di Siderópolis, nel sud di Santa Caterina: si tratta dell'intensità più alta mai registrata al Centro di informazioni sulle risorse ambientali e di idrometeorologia di Santa Caterina (Ciram).

Yakecan ha portato con sé anche aria molto fredda, che ancora oggi continua a provocare un calo delle temperature nella maggior parte del paese brasiliano. Si registrano temperature anomale rispetto alla media, massime intorno ai 15/16°C, almeno 4-5°C in meno rispetto alla periodo. In aggiunta, è stata emessa anche un allerta per la possibilità di gelate nelle zone più interne, per il crollo termico tra notte e mattina, nei prossimi giorni.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati