19 aprile 2019
ore 10:04
di Daniele Berlusconi
tempo di lettura
48 secondi
 Per tutti

SBALZI TERMICI PRIMAVERILI - Nel corso della primavera non è infrequenti avere dei repentini sbalzi termici che possono favorire il ritorno a condizioni più fredde rispetto al periodo precedente. Tra i mesi di Marzo e Maggio, quindi nonostante la tendenza a un complessivo aumento delle temperature vi sono nell'immaginario collettivo alcuni periodi che sono più propensi a un ritorno a condizioni più fredde. 

I NODI DEL FREDDO DI APRILE - Se nel mese di Marzo i nodi del freddo più conosciuti sono quello di San Giuseppe e i giorni della Vecchia (29-30-31 Marzo), ad Aprile altri nodi del freddo sono il 'nodo del cuculo' (10 Aprile), il 'nodo di san Marco' (25 Aprile). A maggio invece si ricordano i cosiddetti 'santi di ghiaccio' (12 - 13 - 14 Maggio). Le statistiche dimostrano che solitamente in questi periodi vi è un calo delle temperature, seguendo l'andamento altalenante tipico e bizzarro della stagione primaverile.

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati