21 febbraio 2020
ore 15:56
di Carlo Migliore
tempo di lettura
1 minuto, 9 secondi
 Per tutti

Continua il caldo anomalo sulla Penisola e continua a non piovere in modo significativo tanto che numerosi fiumi e diversi laghi sono al di sotto dei livelli di guardia. Particolarmente preoccupante la situazione del Po, secondo la rilevazione della Coldiretti il livello idrometrico è basso come in piena estate. Al Ponte della Becca, nel Pavese, è di -2,4 metri, lo stesso di metà agosto scorso. Anomalie si vedono anche nei grandi laghi che hanno percentuali di riempimento che vanno dal 25% di quello di Como al 28% dell'Iseo. La situazione critica ha spinto l'Autorità distrettuale di bacino a convocare per il 6 marzo l'Osservatorio sulle crisi idriche per fare il punto della situazione anche perché non si prevedono precipitazioni se non di scarsa entità, per cui potrebbero verificarsi ulteriori riduzioni dei livelli idrometrici anche del 20%. 

Nel centro sud la situazione è ancora più difficile con l'allarme siccità in campagna che è scattato a partire dalla Puglia dove , sottolinea la Coldiretti , la disponibilità idrica è addirittura dimezzata negli invasi rispetto allo scorso anno, secondo gli ultimi dati dell'Osservatorio Anbi che registra difficoltà anche in Umbria con il 75% di pioggia in meno rispetto allo scorso anno caduta nel mese di gennaio ed in Basilicata dove mancano all'appello circa 2/3 delle risorse idriche disponibili rispetto allo steso periodo del 2019

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati