10 ottobre 2021
ore 23:55
di Carlo Migliore
tempo di lettura
1 minuto, 33 secondi
 Per tutti

TEMPERATURE COME A DICEMBRE O GENNAIO: l'irruzione di aria fredda balcanica unitamente alle precipitazioni ha conferito a questa seconda domenica di ottobre caratteri invernali su diverse regioni del Centro e del Sud Italia. Le massime non superano i 13°C lungo l'Adriatico e sulle coste della Campania mentre all'interno sono a tratti persino inferiori ai 10°C, sono valori di temperatura più tipici di dicembre o gennaio, fino a 8-10°C in meno del normale. L'abbassamento repentino della temperatura ha favorito anche la prima neve in Appennino a quote insolitamente basse per il periodo, fin sotto i 1300m. Nei prossimi giorni nuovi impulsi di aria fredda raggiungeranno la Penisola e resteremo quasi ovunque sotto media. Queste le temperature attese:

TEMPERATURE LUNEDÌ: minime all'alba molto basse al Nord con valori inferiori alle medie fino a 8-10°C in meno, gelate saranno possibili anche in collina. Freddo anche sul resto della Penisola con valori a una cifra anche su Sardegna, regioni centrali e Campania. Massime senza grandi variazioni salvo un aumento contenuto sulle regioni meridionali ma restano tutte sotto media. In media solo Liguria, Isole Maggiori e centrali tirreniche.

TEMPERATURE MARTEDÌ: timido aumento nei valori minimi della notte ma restiamo ancora ovunque sotto media. Poche variazioni anche nei valori massimi generalmente sotto media salvo che sulle centrali tirreniche e la Sardegna

TEMPERATURE MERCOLEDÌ: possibile nuovo calo nei valori minimi della notte specie sulla Valpadana centro occidentale e le valli del centro, sotto media anche il resto della Penisola. Massime anch'esse per lo più sotto media salvo che in Liguria, Toscana e Sardegna.

GIORNI SUCCESSIVI: davvero poche le variazioni con minime e massime che restano generalmente sotto media o localmente in media nei valori massimi.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati