1 giugno 2021
ore 23:40
di Carlo Migliore
tempo di lettura
1 minuto, 44 secondi
 Per tutti
Meteo weekend a rischio temporali
Meteo weekend a rischio temporali

ESTATE, UN INIZIO PROMETTENTE MA...- Il flusso perturbato atlantico, responsabile di un mese di maggio alquanto fresco e instabile punta adesso gli occhi verso l'Europa occidentale e ne sono testimonianza i forti temporali che stanno interessando la Penisola Iberica. E' una situazione che favorirà temporaneamente l'Italia grazie al richiamo di aria più calda dall'entroterra africano che non solo porterà un aumento della pressione ma anche un sensibile riscaldamento. Un fac simile dell'estate piena potremmo dire, con temperature anche in anticipo sui tempi ma frutto di una situazione dinamica che potrebbe nell'arco del prossimo weekend dirigersi verso l'Italia. I modelli intravedono infatti la possibilità che la zona di instabilità attualmente presente sulla Spagna, possa migrare verso l'Italia centro settentrionale tra sabato e domenica portando una passata di temporali e un calo termico

Meteo weekend 5-6 giugno Italia ed Europa
Meteo weekend 5-6 giugno Italia ed Europa

WEEKEND A RISCHIO - In questo periodo dell'anno non sono necessarie forti perturbazioni o saccature particolarmente profonde per stimolare la formazione di temporali, basta davvero poco e quindi non possiamo non tenere conto di questa eventualità. L'evoluzione prevede l'arrivo di una piccola goccia di aria più fresca in quota nella notte tra sabato e domenica con il transito sull'Italia centro settentrionale nell'arco della domenica. Se tutto sarà confermato avremo una giornata di sabato caratterizzata dall'arrivo delle avanguardie nuvolose legate a questo piccolo minimo con sole e nubi sparse stratificate in ispessimento da ovest ma senza fenomeni e una giornata di domenica caratterizzata da temporali in transito sulle regioni centro settentrionali. Al momento ci è impossibile stabilire con esattezza le regioni che potranno essere colpite dai fenomeni ma in linea di massima saranno più a rischio i settori alpini, prealpini, pedemontani e appenninici con l'incognita che i rovesci possano raggiungere anche le zone di pianura. Giacché si tratta di una previsione ancora suscettibile di variazioni, vi consigliamo di seguire sempre gli aggiornamenti relativi che non mancheranno di fare maggiore luce nel corso dei prossimi giorni.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati