17 febbraio 2020
ore 19:00
di Carlo Migliore
tempo di lettura
1 minuto, 46 secondi
 Per tutti
Regno Unito sott'acqua a causa della tempesta Dennis
Regno Unito sott'acqua a causa della tempesta Dennis

L'arrivo della seconda super tempesta atlantica Dennis è stato devastante per il Regno Unito, è accaduto quello che più si temeva ovvero che le piogge intense portate dalla precedente tempesta Ciara avessero sovrassaturato i terreni mettendoli in condizione di non poter più trattenere ulteriori quantitativi di acqua e così purtroppo è stato. La pioggia che è arrivata al seguito di Dennis si è subito trasformata in una vastissima alluvione. La situazione più critica si registra nel Galles dove le violente inondazioni hanno persino trascinato le auto. Nel Galles del Sud la terza vittima della tempesta, il corpo di un uomo è stato ritrovato nel fiume Tawe, non si conoscono le dinamiche dell'incidente.

In sole 48 ore la pioggia di un intero mese, caduti fino a 150-200mm con centinaia di avvisi alluvione emessi dalle autorità, il Met office ha innalzato il livello di allerta meteorologico al rosso, il massimo possibile.


Assieme alle piogge danni anche per i fortissimi venti con raffiche che lungo la costa hanno raggiunto i 130/140km/h e toccato punte di 180km/h sulle zone collinari della Scozia. I venti più forti sono stati comunque raggiunti sull'Islanda con un record quasi assoluto di 256km/h


Venti molto forti con raffiche superiori ai 100km/h hanno interessato anche le coste della Francia settentrionale, l'Olanda, la Germania del Nord, la Danimarca e la Norvegia, proprio nell'area dei Fiordi le raffiche hanno toccato i 130km/h. Nel corso delle prossime ore Dennis si dirigerà velocemente verso est nordest in direzione della Norvegia annidandosi entro martedì sul Mar di Kara. Al suo seguito è attesa la formazione di un nuova profonda depressione che porterà forti venti tra mercoledì e giovedì su tutto il Regno Unito, tuttavia la sua traiettoria sarà più settentrionale e almeno per quanto riguarda la precipitazioni non dovrebbero esserci allerte.

Segui in diretta l'evoluzione consultando la nostra sezione SATELLITI.


Sei curioso di conoscere il tempo che sta facendo in altre parti del mondo? Clicca qui


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati