Redazione 3BMeteo
14 settembre 2021
ore 23:56
Redazione 3BMeteo
tempo di lettura
1 minuto, 23 secondi
 Per tutti

15-19 SETTEMBRE: dopo aver dato il via ad un nuovo scampolo d'estate, specie al Meridione, l'anticiclone nordafricano tenderà gradualmente ad indebolirsi, incalzato dall'ingresso di correnti umide dall'Europa occidentale. Weekend a rischio maltempo sull'Italia per effetto di un insidioso vortice depressionario in ingresso dalla Francia, foriero di piogge e temporali a partire dal Nord e dalle regioni centrali tirreniche. Frattanto un primo impulso d'aria artica raggiungerà la Russia europea e la Scandinavia orientale.

20-26 SETTEMBRE (affidabilità medio-bassa): la terza decade di settembre si aprirà con l'instaurazione di un possente anticiclone di blocco sulla Scandinavia. Un pattern sinottico favorevole a rilevanti anomalie termiche negative sull'Europa orientale, alle prese con freddo e nevicate anche a quote basse sotto un flusso di correnti d'estrazione artica; tra il 20 e il 23 settembre possibile un secondo break temporalesco sull'Italia per effetto di un nuovo impulso instabile di origine nordatlantica, legato all'attività depressionaria tra Islanda e Groenlandia. A fine periodo possibile l'ingresso di correnti più fresche dai quadranti settentrionali.

Anomalie termiche attese tra il 20 e il 27 settembre. Dal modello ECMWF
Anomalie termiche attese tra il 20 e il 27 settembre. Dal modello ECMWF

27 SETTEMBRE - PRIMA DECADE DI OTTOBRE (affidabilità bassa): i massimi anticiclonici ancora ben saldi tra la Scandinavia, il Regno Unito e la Francia pongono le basi per una probabile prosecuzione della fase fredda e instabile su Russia e Repubbliche baltiche. Frattanto, sul fianco orientale dell'anticiclone più fredde correnti settentrionali potrebbero lambire anche l'Italia, determinando locali episodi d'instabilità e un primo sensibile calo termico lungo l'Adriatico e al Sud Italia. Complice una minor attività atlantica, i tassi di piovosità potrebbero rilevarsi inferiori alla norma sulle regioni dell'alto Tirreno e al Nord.

Anomalie di geopotenziale attese tra la fine di settembre e i primi giorni di ottobre nel piano isobarico di 500 hPa. Dal modello ECMWF.
Anomalie di geopotenziale attese tra la fine di settembre e i primi giorni di ottobre nel piano isobarico di 500 hPa. Dal modello ECMWF.

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati