3 ottobre 2020
ore 23:53
di Andrea Bonina
tempo di lettura
2 minuti, 25 secondi
 Per tutti
Meteo Italia sabato
Meteo Italia sabato

SITUAZIONE - Il Nordovest è nella morsa del maltempo per effetto di un'intensa perturbazione atlantica preceduta dall'afflusso di correnti molto umide e instabili dai quadranti meridionali. Precipitazioni diffuse e di forte intensità, anche a regime di nubifragio, coinvolgono in particolare la Liguria, il medio e alto Piemonte e le province della Lombardia a Nord del Po: la complessa orografia alpina esalta durata ed entità dei fenomeni, che proprio nelle aree più a monte tendono ad assumere carattere persistente e a tratti alluvionale (laddove sono massimi gli effetti dello 'stau' si registrano picchi di 400-500 mm in 24-36 ore). Un sistema temporalesco di tipo lineare coinvolge inoltre Romagna, Marche, Toscana, Umbria e alto Lazio, fino a lambire i settori poco a Nord di Roma.

MIGLIORA AL NORDOVEST, NUBIFRAGI SU TRIVENETO, ROVESCI SU PARTE DEL CENTRO - Nelle prossime ore l'intenso sistema frontale di origine atlantica proseguirà la sua lenta evoluzione verso Levante, allentando finalmente la presa al Nordovest: a partire da Ponente ligure, Valle d'Aosta, basso Piemonte e Ovest Lombardia torneranno ad aprirsi le prime schiarite. Nel corso della mattinata il maltempo si estenderà con forza alle regioni di Nordest: su Trentino, Prealpi venete e pedemontane del Friuli Venezia Giulia si stimano apporti pluviometrici fino ai 100-150 mm con possibili ripercussioni idrogeologiche, mentre i fenomeni si mostreranno nel complesso più blandi e irregolari sulle basse pianure e nelle aree costiere. Nuovi temporali, locali nubifragi e isolate grandinate interesseranno a più riprese Toscana, Emilia, Marche, Umbria e Lazio; le piogge coinvolgeranno - seppur in misura minore - anche l'entroterra abruzzese e la Sardegna centro-occidentale. Una seconda perturbazione raggiungerà l'Italia nella giornata di domenica.

MARI IN BURRASCA - Sospinta da un profondo vortice ciclonico sulla Francia, la perturbazione verrà accompagnata da forti venti di Ostro, Scirocco e Libeccio, in rotazione a Ponente sul Tirreno nel corso della giornata. Si mostreranno fino ad agitati il Mare e il Canale di Sardegna, il Mar Ligure e l'alto Adriatico. Tornerà l'acqua alta a Venezia: un picco di marea prossimo ai 130 cm è atteso nella laguna intorno alle ore 12.

CALDO FUORI STAGIONE AL SUD, FINO A 37°C A PALERMO - Ai margini della perturbazione, le regioni meridionali permarranno esposte all'afflusso di torride correnti nordafricane e al transito di sterile nuvolosità stratiforme. I forti venti di Scirocco determineranno un marcato aumento delle temperature lungo il versante tirrenico della Sicilia: tra le province di Palermo e Messina le massime potranno attestarsi fino ai 36-37°C, a un passo dai record assoluti del mese di ottobre. Picchi di 32-34°C sono attesi inoltre su Cosentino e Tavoliere delle Puglie, fino a 27-28°C a Napoli e Bari.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati