21 luglio 2019
ore 10:10
di Carlo Migliore
tempo di lettura
1 minuto, 58 secondi
 Per tutti

Analisi: L'ultima decade di luglio si preannuncia all'insegna del caldo intenso sull'Italia a causa del ritorno dell'anticiclone africano. Dopo una breve scomparsa in favore del più gradevole compagno delle Azzorre il ruggente re del deserto sahariano si farà di nuovo avanti su mezza Europa portando temperature elevate, fin sulla soglia dei 42°C in Spagna e persino in Francia. I massimi anticiclonici rimarranno però a ovest dell'Italia quindi sulla nostra Penisola il caldo sarà intenso ma non dovrebbe raggiungere le punte della precedente ondata di caldo di giugno. Per di più almeno in una prima fase, le regioni meridionali non saranno interessate se non localmente da caldo forte assistendo in qualche caso persino a una diminuzione. Questo perché la spinta dinamiche che porterà il gran caldo fino sulla Scandinavia e sul Baltico attirerà sull'area balcanica correnti settentrionali che in parta lambiranno anche l'Italia: Ma quanto caldo dovremo quindi aspettarci? 

Conseguenze per l'Italia: la nuova settimana comincerà con il caldo già accentuato su diversi settori. Val padana occidentale, interne centrali tirreniche, Umbria e Sardegna potranno vedere superare la soglia dei 34-35°C nella giornata di lunedì e raggiungere tra martedì e mercoledì punte di 36-37°C con valori non esclusi mercoledì fino a 39°C sulle interne della Toscana. Questo mentre sul resto della Penisola le temperature aumenteranno solo lievemente a scapito però di un aumento notevole dell'afa che acuirà la sensazione di calore ovunque. Dopo la metà della settimana il caldo tenderà a mantenere un suo baluardo solo al Nordovest e sulla Toscana perché l'insorgenza di una ventilazione settentrionale più asciutta favorirà un miglioramento climatico sul resto del paese con temperature in lieve calo e afa in diminuzione. Quindi in buona sostanza almeno mezza Italia, dal medio versante Adriatico fino a tutto il Sud non parteciperà se non localmente, parliamo di alcuni settori particolari come il tavoliere delle Puglie, a questa nuova sbollentata. Seguite costantemente i nostri aggiornamenti.


Per maggiori dettagli previsionali consultate l'apposita sezione meteo Italia.


Per conoscere lo stato dei mari e dei venti clicca qui.


Per la tendenza meteo consulta le nostre previsioni a medio e lungo periodo.


Allerte previste nei prossimi giorni: clicca qui.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati