11 maggio 2019
ore 10:12
di Francesco Nucera
tempo di lettura
1 minuto, 44 secondi
 Per esperti

El Niño dovrebbe proseguire durante l'estate 2019 col 70% di probabilità e in autunno con una probabilità superiore al 50%.

Durante il mese di Aprile, le anomalie di temperature persistevano al di sopra della media su gran parte dell'Oceano Pacifico ma con l'anomalia maggiore nel settore centrale. Mentre le anomalie delle acque e la debolezza degli alisei sono coerenti con la presenza de El Niño, c'è da segnalare come il contenuto di calore oceanico, dopo il picco di metà marzo, sia diminuito nel'area di interesse. Questo supporta l'idea che El Niño in questa stagione possa non essere forte.

Incertezze primaverili -Tuttavia, le previsioni fatte dai modelli durante la primavera, tendono ad essere meno accurate rispetto al resto dell'anno; questo a causa della così detta 'barriera di Primavera'. Nel breve termine, un aumento dei venti occidentali sul centro ovest dell'Oceano Pacifico fa presagire il possibile sviluppo di un'altra onda di Kelvin oceanica che potrebbe determinare un aumento delle temperature, condizione affinchè El Niño possa persistere.

L'estate in Europa non ha bisogno necessariamente de El Nino per essere molto calda; sono infatti altri fattori che incidono sulle vicende estive dalle nostre parti. Solamente con un Super El Nino le estati appaiono molto calde dal momento che tale evento 'strong' va ad incidere sulla circolazione globale.

El Nino piu' frequente sul Pacifico centrale - Sempre rimanendo su questo argomento, secondo un recente studio effettuato attraverso i coralli il numero di eventi de El Nino CP ( Pacifico Centrale) è aumentato mentre gli eventi del El Nino Ep (East Pacific) sono pochi ma più forti come negli anni 82-83, 97-98 e 2015-16. In pratica sarebbe una conferma di altre precedenti ricerche. Secondo la ricerca di Yu, Lu e Kim (2012) c'è stato uno spostamento del El Nino da EP verso CP in concomitanza di un rafforzamento della cella di Hadley. In pratica un maggiore contributo dinamico a quello termoclino

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati