12 novembre 2022
ore 23:55
di Carlo Migliore
tempo di lettura
1 minuto, 42 secondi
 Per tutti

Mentre sugli Stati Uniti l'autunno sta ampiamente recuperando il ritardo stagionale con un'irruzione di aria polare di tutto rispetto, sull'Europa il freddo latita e alle nostre latitudini oltre al caldo anomalo persiste un regime siccitoso che non si avvale né di pioggia né tanto meno di neve in montagna. Ora, il vortice ciclonico che sta per transitare sulla Penisola ci farà riassaggiare un po' di freddo e porterà anche qualche nevicata a quote medie, sotto ai 1500m sulle Alpi nella giornata di lunedì e sopra ai 1700/1800m in Appennino domenica ma saranno fenomeni nel complesso poco significativi. 

Quello che a noi interessa in questo momento è una precipitazione abbondante e diffusa che possa iniziare a colmare l'enorme deficit idrico che hanno accumulato diverse regioni. La neve diventa quindi non più un mezzo per svagarsi ma una riserva di acqua che possa essere conservata in alta montagna e li mantenuta fino alla prossima stagione calda. Senza per questo considerare l'effetto analgesico che avrebbe sull'agonia dei nostri ghiacciai alpini. Nel corso della prossima settimana qualcosa si smuoverà, la circolazione atlantica si farà più incline a visitare l'Europa centro meridionale e due o tre perturbazioni sono attese sull'Italia. Saranno perturbazioni in grado di portare precipitazioni anche abbondanti e abbondanti nevicate sulle alpi, ma le quote saranno ancora fuori tempo rispetto alla stagione in cui ci troviamo. Dopo tutto mancano poco più di due settimane all'avvio dell'inverno meteorologico e le quote dovrebbero essere decisamente più basse di quelle previste. Di che altezze parliamo dunque? Piuttosto alte, e senza scendere nei dettagli diremo che mediamente durante il passaggio di queste perturbazioni difficilmente la neve potrà cadere sotto ai 1800/2000m. Soltanto da venerdì ma con tutte le incertezze del caso, correnti più fredde nord atlantiche potrebbero abbassare la quota fin sotto i 1500m. Questa è la situazione, nei prossimi aggiornamento cercheremo di essere più precisi.


Seguici su Google News


Articoli correlati