8 aprile 2020
ore 19:00
di Francesco Nucera
tempo di lettura
56 secondi
 Per esperti

Qualche giorno fa ci siamo occupati del fatto che l'abilità delle previsioni meteo numeriche da parte dei centri di calcolo piu' importanti fosse in calo tanto che lo skill era ritornato a quello di almeno 10 anni. In particolare si evidenziava come il modello ECMWF fosse sceso sotto lo 0.9. Si erano fatte due ipotesi. La prima era relativa a una netta minore osservazione specie aerea, per via delle restrizioni del coronavirus. La seconda ipotesi riguardava un calo della predicibilità per via di un cambio di scenario.

Primi risultati. Osservando gli ultimi dati, che riguardano ora un range temporale più ampio, si nota come ci sia una ripresa dell'abilità. In particolare il modello ECMWF ritorna sopra lo 0.9 dopo 3 'cadute' consecutive. Questo avvalora l'idea che la minor attendibilità modellistica sia più legata ad una fluttuazione della predicibilità atmosferica che ad un calo delle osservazioni per via delle restrizioni. Nello specifico questo avviene in concomitanza del cambio del regime circolatorio che ha interessato il Nord Atlantico. Seguiranno altre analisi per confermare quanto detto.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati