16 giugno 2020
ore 16:21
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
56 secondi
 Per tutti
Ecco come si presentava il Gran Paradiso domenica mattina dal versante di Cogne (AO) dopo l'ultima nevicata di sabato
Ecco come si presentava il Gran Paradiso domenica mattina dal versante di Cogne (AO) dopo l'ultima nevicata di sabato

Prima dell'ultimo periodo le nevicate più abbondanti sulle Alpi si erano verificate tra ottobre e novembre, quando il limite pioggia-neve si era abbassato al punto che molte località sciistiche avevano già fatto il pieno in vista dell'avvio della stagione. Poi l'inverno si è mostrato piuttosto avaro di nevicate e con esso anche buona parte della primavera.

Le tendenza ha iniziato ad invertire la rotta con l'avvio di giugno, quando si è aperta una lunga fase instabile e con temperature inferiori alle medie su molte regioni, in particolare su quelle alpine. Spesso le nevicate degli ultimi giorni si sono spinte a quote inferiori ai 2500 metri, a tratti anche fino a 2000m. A beneficiarne sono stati soprattutto i ghiacciai dell'arco alpino occidentale, dove al momento le condizioni di innevamento sono davvero abbondanti.

Lungo lo spartiacque svizzero la neve fresca sui ghiacciai raggiunge i 2 metri di spessore tra Monte Rosa e Cervino, 150cm sul massiccio del Gran Paradiso dove negli ultimi giorni sono caduti fino a 60cm di neve, 120cm sul Monte Bianco.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati