19 novembre 2022
ore 23:58
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
2 minuti, 15 secondi
 Per tutti
Immagine di archivio
Immagine di archivio

La neve imbiancherà già le vette dell'Appennino nel corso di sabato, con strascichi domenica. Ma sarà la prossima settimana che una nuova e più intensa perturbazione atlantica raggiungerà l'Italia e darà luogo a nevicate anche abbondanti sulle Alpi, specie orientali. Ecco nel dettaglio cosa accadrà nei prossimi giorni:

DOMENICA ANCORA QUALCHE FIOCCO SULL'APPENNINO. La perturbazione giunta sabato si attarderà per parte della giornata sulle zone appenniniche, alimentata da correnti fresche settentrionali. Nevicate interesseranno la dorsale appenninica centro-settentrionale fino al mattino, a partire dai 1300m del settore tosco-emiliano fino ai 1600m di quello laziale-abruzzese. In giornata attenuazione dei fenomeni e schiarite. Nel frattempo una nuova perturbazione atlantica si avvicinerà alle Alpi e raggiungerà in serata i confini nordoccidentali, con deboli nevicate in Valle d'Aosta oltre i 900/1000m.

INIZIO SETTIMANA, SI AVVICINA UNA NUOVA PERTURBAZIONE ATLANTICA. Il fronte giunto la sera di domenica sui confini alpini occidentali sfilerà verso est senza lasciare il segno, ma una nuova e più intensa perturbazione atlantica si starà avvicinando alle Alpi a partire da ovest. Determinerà la ripresa delle nevicate tra il pomeriggio e la sera su Piemonte e Valle d'Aosta a partire dai 1000/1200m con fenomeni in intensificazione e in estensione fino alle Alpi orientali. Riprenderà a nevicare anche sull'Appennino settentrionale, oltre i 1600m.

MARTEDI' ABBONDANTI NEVICATE SULLE ALPI ORIENTALI. Con l'approfondimento di un vortice in prossimità del Nord Italia la perturbazione impegnerà le Alpi centro-orientali e l'Appennino. Si andranno rapidamente esaurendo i fenomeni sulle Alpi occidentali, dove gli accumuli non saranno particolarmente rilevanti. Nevicherà con insistenza invece sul restante arco alpino dagli 800/1000m, con accumuli di oltre mezzo metro sulle Alpi orientali dai 1700-1800m di quota, oltre 30-40cm dai 1500m. Entro sera si attenueranno i fenomeni fino a cessare.

NEVE ANCHE SULL'APPENNINO. Nevicherà sull'Appennino settentrionale dai 1000/1200m con accumuli anche di 20/30cm sul Monte Cimone. Limite neve in abbassamento fino a 1300m in serata sulla dorsale appenninica centrale con accumuli fino a 20cm a 2000m di quota sui rilievi marchigiani, circa 10cm su quelli abruzzesi su località come Campo Imperatore.

IMBIANCATO L'APPENNINO MERIDIONALE. Il limite delle nevicate si abbasserà anche sull'Appennino meridionale, portandosi fin verso i 1500/1700mm entro sera sul settore calabro-lucano, 1300m sull'Aspromonte.

MERCOLEDI' MIGLIORAMENTO. La perturbazione sfilerà verso i Balcani e al suo seguito subentreranno ampie schiarite su gran parte d'Italia sin dalle prime ore di mercoledì. Qualche spruzzata di neve potrà comunque interessare le Alpi occidentali dai 1200m e tratti dell'Appennino meridionali dai 1500m.


Seguici su Google News


Articoli correlati