25 novembre 2020
ore 12:10
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 38 secondi
 Per tutti

SITUAZIONE. La perturbazione che nella prima parte della settimana ha interessato le nostre estreme regioni meridionali con condizioni di locale maltempo, mollerà gradualmente la presa nei prossimi giorni ma sarà ancora in grado di determinare situazioni di locale instabilità. La depressione responsabile, ora sprofondata fin sulla Libia, manterrà attivo al suo seguito un flusso di correnti nordorientali all'altezza dello Ionio, in scorrimento lungo il fianco inferiore di un campo di alta pressione che andrà irrobustendosi sull'Europa centrale. Saranno queste a far attardare condizioni di variabilità sul tacco dello Stivale, mentre sulle altre regioni le condizioni si mostreranno decisamente più stabili.

METEO MERCOLEDÌ. Persiste l'instabilità sulla Sicilia centro-orientale e sulla bassa Calabria con piogge e rovesci intermittenti, più frequenti sul Catanese. Nubi sparse e schiarite sulle regioni centrali con qualche addensamento in più sul versante tirrenico della Sardegna, in prevalenza sereno al Nord ma con banchi di nebbia nelle ore più fredde sulla Val Padana e sulle pianure interne del Centro Italia. Temperature stabili, gelate notturne al Nord e su parte del Centro.

METEO GIOVEDÌ. Lieve variabilità al Sud con maggiori addensamenti sui settori ionici di Sicilia e Calabria, associati a locali isolati piovaschi, ampi spazi soleggiati sul Sud peninsulare. Nubi in aumento invece in Liguria, Sardegna e regioni tirreniche centro-settentrionali con qualche pioggia in arrivo entro fine giornata sulle aree orientali dell'isola. Nubi in aumento sulla Val Padana, permane il bel tempo sull'arco alpino. Per la tendenza fino al weekend clicca qui.


Per sapere se sono previste eventuali allerte sulla tua località, e di che tipo, consulta la nostra sezione Allerte

Per conoscere nel dettaglio lo stato dei mari e dei venti clicca qui.

Per la tendenza meteo consulta le nostre previsioni a medio e lungo periodo.

Segui in diretta l'evoluzione consultando la nostra sezione SATELLITI.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati