24 giugno 2019
ore 7:50
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
4 minuti, 14 secondi
 Per tutti

E' iniziato il conto alla rovescia in attesa dell'arrivo dell'intensa ondata di caldo di cui parliamo ormai da più giorni. Un promontorio dell'alta pressione nordafricana ci farà visita durante la nuova settimana e giorno dopo giorno le temperature subiranno un'impennata sulle regioni settentrionali e su parte di quelle centrali, le più esposte alla fiammata di stampo algerino. Sulla Val Padana e sulle aree interne delle regioni centrali tirreniche si raggiungeranno picchi davvero elevati, con la colonnina di mercurio che in alcuni potrà toccare i 40°C. Una situazione difficile, poiché il clima potrà farsi insopportabile. Ecco quindi alcuni consigli per affrontare la settimana che, almeno fino a questo periodo, risulterà la più calda dell'anno.

1. Innanzitutto uno dei consigli più ricorrenti è bere molta acqua e avere un'alimentazione leggera, ricca di vitamine e sali minerali con frutta e verdura stagionale. I sali minerali sono infatti la prima cosa che perdiamo con il sudore e reintegrali velocemente diventa fondamentale. Ridurre l'apporto di grassi è altrettanto fondamentale, in quanto rappresentano un ostacolo alla digestione allungando i processi digestivi che tra l'altro impegnano cuore, reni e altri organi che sarebbe bene lasciare quanto meno impegnati possibile. Non bere mai bevande troppo fredde, poiché lo shock termico all'interno dello stomaco potrebbe provocare delle congestioni anche gravi.

2. Evitare sforzi fisici per non aumentare ulteriormente il dispendio di risorse che il corpo sta utilizzando per combattere le condizioni climatiche avverse.

3. Indossare vestiti leggeri che consentano all'aria di circolare facilmente al contatto con la pelle, preferibilmente di fibre naturali. L'abbigliamento infatti offre un notevole supporto. Esistono tessuti, come cotone o lino, che favoriscono la traspirazione e permettono di alleviare il senso di calore.

4. Riguardo all'ambiente quello casalingo, se avete scelto di non utilizzare dei climatizzatori ma solo dei ventilatori, abbiamo qualche altro consiglio per voi. Prima cosa, abbassare le tapparelle nelle zone della casa esposte al sole o tenere delle tende lunghe e bianche che riflettano la luce. L'umidità in casa deve essere tenuta bassa, preferibilmente inferiore al 40-50% perché nel periodo caldo in un appartamento possono raggiungersi valori di temperatura anche superiori ai 27-28°C e per garantire il benessere con queste temperature l'umidità deve essere mantenuta al minimo. Questo per dare la possibilità al sudore di evaporare con facilità raffreddando efficacemente l'organismo. Nelle zone marine l'umidità raggiunge il picco più alto durante le brezze, poi tende a calare temporaneamente verso sera e ad aumentare nuovamente la notte. Se vivete sul mare il nostro consiglio è di aprire tutta la casa nelle ore serali (18-20) e lasciare entrare l'aria più asciutta della giornata, poi dopo aver arieggiato chiudere le finestre di modo da tener fuori l'umidità che aumenterà progressivamente la notte e rinfrescarsi con l'ausilio dei ventilatori, mai puntati addosso, ma sempre indirettamente. Se vivete nelle zone interne l'umidità è già normalmente più bassa della costa, quindi bisogna tener d'occhio soprattutto le temperature, quelle più fresche si raggiungono nelle ore serali e notturne quindi sarebbe meglio aprire la casa in quegli orari. Se invece avete deciso di utilizzare dei climatizzatori, la temperatura dell'aria non deve mai scendere sotto ai 25-26°C, quello che conta infatti è sottrarre all'aria tutta l'umidità che contiene. Con una temperatura di 26-27°C si sta magnificamente se l'umidità relativa è inferiore al 40%.

5. Nel caso doveste usare la vostra automobile, prima di entrarvi aprite tutte le portiere e lasciate che la temperatura interna si abbassi. Se dovete far entrare bambini o persone anziane è bene percorrere un breve tratto di strada con i finestrini abbassati, in modo da areare l'abitacolo e cambiare l'aria. All'interno dell'abitacolo di una macchina, specie se esposta al sole, possono raggiungersi temperature anche superiori ai 60°C.

6. Il consiglio più efficace, ma effettivamente riservato a pochi fortunati è di trasferirsi sulle aree alpine. Più si sale di quota più la temperatura scende, mediamente di circa 0,6°C ogni 100 metri. Nei prossimi giorni le località alpine poste ad un'altitudine di 1500m vedranno raggiungere picchi anche di 28/30°C, valori notevoli, ma se confrontati ai quasi 40° della città fanno veramente invidia.

Temperature previste nei prossimi giorni. Ecco i dettagli grafici.

Per la tendenza meteo consulta le nostre previsioni a medio e lungo periodo.

Allerte previste nei prossimi giorni: clicca qui.

Segui in diretta l'evoluzione consultando la nostra sezione delle webcam.

Segui in diretta l'evoluzione consultando la nostra sezione SATELLITI.

Precipitazioni previste nei prossimi giorni. Ecco i dettagli grafici.

Guarda i video che hanno postato i nostri utenti nella galleria, clicca qui.

Guarda le foto che hanno postato i nostri utenti nella galleria, clicca qui.

Se hai un video o una foto che vuoi condividere entra a far parte della nostra community, clicca qui per i dettagli.

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati