3 novembre 2020
ore 14:00
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
44 secondi
 Per tutti
Immagine di archivio
Immagine di archivio

Sono state le più devastanti grandinate dal 2014 quelle che nel weekend appena trascorso hanno interessato l'area orientale australiana ed in particolare il Queensland. Sono stati misurati chicchi di grandine del diametro di addirittura 14cm su alcune zone che hanno creato ingenti danni. Il 60% dei quali ha coinvolto automobili, ma non da meno sono stati tetti delle abitazioni, lucernari e pannelli solari.

La tempesta di grandine ha colpito soprattutto le località a sud Brisbane, come Springfield, Rosewood, Greenbank e Boronia Heights. Le assicurazioni hanno stimato danni per 60 milioni di dollari. Grandinate importanti hanno interessato anche il Nuovo Galles del Sud, seppur di minor intensità, ma piuttosto duraturi. Per gran parte della scorsa settimana, infatti, lo stato è stato coinvolto da grandine, piogge torrenziali e forti colpi di vento che hanno provocato allagamenti e smottamenti del terreno.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati