18 maggio 2020
ore 21:20
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 30 secondi
 Per tutti
Immagine di archivio
Immagine di archivio

CALDO RECORD. Negli ultimi giorni il clima si è arroventato sul settore orientale del Mediterraneo e sulla Turchia, alle prese con la risalita di aria eccezionalmente calda dall'Africa nordorientale. Le temperature hanno cominciato a salire nel corso della scorsa settimana raggiungendo valori elevatissimi nel weekend, in molti casi da record. Il più alto è stato toccato in Giordania, a Ghor El Safi, dove domenica si sono raggiunti 46,5°C. In Turchia a Smirne raggiunto il valore di 44,5°C, che rappresenta il nuovo record mensile per maggio, dopo che il giorno prima, sabato, aveva raggiunto i 43,9°C.

Sempre domenica in Turchia si segnalano i 44,2°C a Bayındır 44.2°C, a Gölmarmara 44°C, a Aydin 42.6°C, come a Akhisar, a Marmaris 41.7°C, ad Antalya 43°C. Record mensili a Mugla con 39.3°C, sulla Turchia occidentale a 660m di altitudine. Bollente anche Cipro con Paphos che ha fatto segnare il record assoluto domenica, toccando il valore di 42,5°C.

POSSIBILE RINFRESCATA VERSO IL WEEKEND. Anche la nuova settimana si presenta altrettanto rovente sulle medesime zone, stante l'onda calda sempre protesa dall'Africa nordorientale verso il Mediterraneo orientale, tanto che questa mattina si sono registrate temperature minime anche di 36°C su alcune zone di Israele. Nuovi valori record potrebbero infatti registrarsi nei prossimi giorni, finché nella seconda parte della settimana e verso il weekend correnti più fresche, umide ed instabili potranno finalmente mettere fine alla canicola.

Segui in diretta l'evoluzione consultando la nostra sezione SATELLITI.

Per la tendenza meteo consulta le nostre previsioni a medio e lungo periodo.

Per conoscere nel dettaglio lo stato dei mari e dei venti clicca qui.

Per maggiori dettagli previsionali consultate l'apposita sezione meteo Italia.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati