10 novembre 2020
ore 10:00
di Francesco Nucera
tempo di lettura
1 minuto, 11 secondi
 Per esperti
vortice polare, situazione a metà mese
vortice polare, situazione a metà mese

L'autunno con il mese di novembre si è spento. Il treno di perturbazioni che ha interessato ottobre si è portato a latitudini molto settentrionali lasciando spazio agli anticicloni di invadere l'Europa anche con tepori primaverili. Primo gelo della stagione a Mosca questa mattina con -1,2°C, è la gelata piu' tardiva dopo quella del novembre 2008. Questa è una conseguenza del rinforzo del vortice polare troposferico, evoluzione fotografata dall'indice AO che mostra dei picchi che sono classici di scarsa dinamicità.

Non sono situazioni di facile risoluzione dal momento che queste configurazioni bloccate possono persistere per molti giorni. Al momento non si intravedono grosse variazioni eccetto per qualche coda di perturbazione che potrà portare qualche disturbo in Italia. A ridosso della terza decade l'anticiclone potrebbe spostare i suoi massimi ad ovest mentre qualche perturbazione diretta verso i Balcani ed il Mar Nero lambirebbe i versanti orientali ed il Sud Italia. Tuttavia saremmo ancora in una situazione da vortice polare piuttosto forte anche se il raffreddamento in zona siberiana potrebbe lasciare spazio ad un anticiclone meno invadente. Insomma dovremmo guardare ad est per un ipotetico cambiamento.

tendenza meteo
tendenza meteo

In stratosfera prosegue il raffreddamento del vortice polare. Al momento tale fascia ha poca rilevanza sulla circolazione delle medie latitudini ma potrebbe averla in seguito. Seguiremo questa evoluzione perché sarà importante per la prima parte dell'inverno.

temperature in crollo in stratosfera
temperature in crollo in stratosfera

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati