20 novembre 2020
ore 7:50
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
3 minuti, 27 secondi
 Per tutti

SITUAZIONE. L'alta pressione è in fase di rimonta e il tempo si è stabilizzato ormai su tutta Italia. Non si tratterà però di un anticiclone duraturo, poiché già dalla serata di oggi, giovedì si scorgeranno le avvisaglie di un nuovo peggioramento del tempo a partire dall'arco alpino, dove giungeranno le prime precipitazioni a partire dai settori confinali, nevose a partire dai 1200m. Deterioramento che si concretizzerà venerdì e che ci porteremo dietro per tutto il weekend, a causa della formazione di un vortice sul Tirreno per l'ingresso di intense fredde correnti settentrionali.

METEO VENERDÌ. Un fronte sospinto da aria fredda in arrivo dal Mare del Nord eroderà l'anticiclone sull'Europa centrale e si butterà sul Mediterraneo centrale, coinvolgendo anche parte d'Italia. Dopo aver scaricato qualche fiocco nella notte sulle Alpi confinali e alcuni rovesci sul Triveneto, salterà il resto del Settentrione che rimarrà sottovento alle Alpi con tempo più soleggiato, ad eccezione di qualche rovescio in Emilia Romagna e sullo Spezzino. Si ripresenterà sulle regioni centrali e in Sardegna con rovesci e temporali che si propagheranno verso il basso Tirreno, Basilicata e alta Puglia entro fine giornata.

RISCHIO NUBIFRAGI, ECCO DOVE. La formazione di un profondo minimo di pressione sul Tirreno determinerà fenomeni anche di forte intensità dapprima su Marche ed Abruzzo, poi su bassa Campania, Calabria e Basilicata, con rischio di locali nubifragi. Fenomeni intensi anche sulla Sardegna tirrenica.

NEVE SULL'APPENNINO. L'aria fredda al suo seguito determinerà inoltre un calo delle temperature e della quota neve, con fiocchi sull'Appennino in calo fino a 1000/1200m su quello settentrionale, da 1800m a 1400m su quello centrale. Nelle prime ore della notte qualche fiocco anche sulle Alpi orientali dagli 800/1000m e al primo mattino fino a 700/900m sulla dorsale emiliana.

METEO WEEKENDSabato il minimo di pressione si porterà sulla Tunisia e la perturbazione che gli ruoterà intorno insisterà sul Sud Italia con maltempo soprattutto sul versante ionico peninsulare, con i fenomeni più intensi in estensione dalla Puglia a Lucania e Calabria, ma alcuni rovesci anche su parte della Sardegna orientale e Sicilia. Residue nevicate sulla dorsale centrale anche sotto i 1000m, in esaurimento in giornata. Sarà invece il bel tempo a prevalere al Nord e sulle regioni tirreniche, ormai sotto la protezione di un campo di alta pressione in rinforzo sull'Europa centrale. Temperature in brusca diminuzione e venti forti di Grecale.

Domenica il vortice punterà la Libia e tra Mediterraneo centrale ed Europa centrale rimonterà ulteriormente l'alta pressione con tempo che risulterà stabile su gran parte d'Italia. Farà eccezione però l'estremo Sud, dove insisterà ancora qualche rovescio o temporale su Sicilia ionica e bassa Calabria.

TRACOLLO TERMICO. L'aria fredda che irromperà dal Nord Europa determinerà un brusco calo delle temperature, venerdì soprattutto al Nord, ma tra sabato e domenica anche al Centro-Sud. Nel weekend sono attesi valori notturni bassi al Nord, anche intorno agli 0°C in pianura o localmente inferiori con le prime gelate notturne.

VENTI IN SENSIBILE RINFORZO. Si assisterà anche ad una decisa intensificazione dei venti, venerdì di Grecale sull'Italia centro-settentrionale con Bora sul Triestino e raffiche fino a 100km/h, Maestrale sostenuto sulle isole maggiori, e possibili mareggiate sulle coste adriatiche centro-settentrionali e su quelle occidentali di Sardegna e Sicilia. Sabato venti ancora forti da nordest che spazzeranno tutta Italia con possibili mareggiate sull'Adriatico e sulla Sardegna orientale. Domenica venti in graduale attenuazione da nord. Per la tendenza per la prossima settimana clicca qui.


Per maggiori dettagli previsionali consultate l'apposita sezione meteo Italia.

Per sapere se sono previste eventuali allerte sulla tua località, e di che tipo, consulta la nostra sezione Allerte

Il vento si farà sentire nei prossimi giorni. Per tutti i dettagli consulta le nostre mappe dei venti.

Per conoscere nel dettaglio lo stato dei mari e dei venti clicca qui.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati