12 febbraio 2020
ore 16:03
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 40 secondi
 Per tutti
Ciclone Uesi martedì, nei pressi della Nuova Caledonia
Ciclone Uesi martedì, nei pressi della Nuova Caledonia

Un ciclone tropicale è in azione sul Pacifico sudoccidentale ed ha appena lambito la Nuova Caledonia transitando poco distante dalla sua estremità occidentale con piogge torrenziali e venti che hanno sfiorato i 200km/h rendendolo di categoria 3. Attualmente si trova alle coordinate 23.2S 162.3E e si sta allontanando dalla Nuova Caledonia trovandosi ormai a circa 300km a sudovest dalla costa. E' stato battezzato Uesi e si sta indebolendo tanto che è stato recentemente declassato alla categoria 1, con raffiche di vento che a stento raggiungono i 150km/h ma sono ancora in grado di sollevare onde alte fino a 8 metri.



Nel suo spostamento verso sud-sudovest alla velocità di 20km/h è destinato ad avvicinarsi pericolosamente alla costa meridionale del Queensalnd, stato dell'Australia orientale, anche se il suo centro dovrebbe mantenersi ad una certa distanza dal litorale e transitare al largo del Mar dei Coralli. Vi è però ancora un'incertezza in fase previsionale, per la presenza di un'area di alta pressione poco più a sud che potrebbe rallentarne e deviarne la corsa in direzione del continente australiano.

Se ciò non dovesse comunque avvenire sarebbero comunque attese piogge molto abbondanti su molte aree del Queensland ma anche del Nuovo Galles del Sud, stato direttamente confinante. Si tratta di zone fino a pochi mesi fa devastate da incendi spaventosi e da una prolungatissima siccità, che hanno messo a dura prova l'intero continente. Le precipitazioni sarebbero in una certa misura benefiche, ma potrebbero assumere carattere di forte intensità provocando altri ingenti danni.


Oltre alle piogge sono attesi sensibili rinforzi del vento, soprattutto al largo in prossimità del centro del ciclone, che innalzerebbero onde destinate a giungere sulla costa australiana provocando pericolose erosioni. Uesi dovrebbe comunque indebolirsi notevolmente entro la fine della settimana, quando verrà declassato da tempesta a depressione tropicale, ormai in transito al largo tra Tasmania e Nuova Zelanda.

La rotta prevista del ciclone Uesi
La rotta prevista del ciclone Uesi

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati