28 luglio 2021
ore 9:07
di Francesco Nucera
tempo di lettura
3 minuti, 15 secondi
 Per tutti
Estate di eventi estremi. Possibili collegamenti con il cambiamento climatico
Estate di eventi estremi. Possibili collegamenti con il cambiamento climatico

I due terzi dell'estate si presentano con diversi eventi meteo estremi nell'emisfero Nord. In Europa si evidenzia la tragica alluvione sugli Stati Centrali con oltre 180 vittime e numerosi inondazioni su Germania, Belgio, Lussemburgo, Olanda e Austria. 

Il Canada registra la più intensa ondata di caldo della sua storia con temperature quasi prossime ai 50°C ad una latitudine molto settentrionale (50N), stesso valore raggiunto in Algeria.

Record di caldo anche negli USA occidentali: nella Death Valley in California, abituata comunque a temperature molto elevate, è stato raggiunto il valore di+54,4°C a Furnace Creek, il nuovo record mondiale affidabile di temperatura più alta mai registrata. Molte città del Midwest sono nel frattempo colpite da pesanti alluvioni, anche Chicago e Detroit. Diversi record di caldo battuti tra Baltico e Scandinavia con la Finlandia che registra una delle estati più calde di sempre. In Norvegia sono stati raggiunti i +34.3°C Lakselv-Banak a 70.1°N oltre il Circolo Polare Artico, la temperatura più alta mai registrata in Europa a questa latitudine. E' un giugno rovente a Malta con 41,5°C e in Tunisia con punte di oltre 48°C. Ma eventi meteo estremi si registrano anche in Italia attraverso violenti temporali e devastanti grandinate al Nord, con l'alluvione lampo sul Gargano (oltre 250mm di pioggia in poche ore)  e sul Lago di Como epicchi di oltre 40°C al Sud per più giorni.

In Cina a ZhegZhou in 24 ore sono caduti 640mm di pioggia (200mm in un'ora) quella che di norma dovrebbe cadere in un anno o poco meno. E' possibile che questo sia dipeso da un sistema di bassa pressione bloccato nella sua evoluzione da un anticiclone e alimentato dal vapore acqueo del tifone In-Fa. In Giappone le piogge stagionali sono da record con picchi di 800mm; il caldo è poi estremo a Hokkaido con massime di 36°C. In India la regione di Konkan del Maharashtra sta assistendo alle peggiori inondazioni di sempre per il monsone. Il distretto di Ratnagiri batte il record di precipitazioni da 40 anni: 1781 mm di pioggia a luglio 2021.

Cosa sta accadendo? La circolazione atmosferica ha mostrato un pattern amplificato con situazioni di blocco spesso a latitudini settentrionali; in pratica la corrente a getto diventa più tortuosa nel circumnavigare il globo con evidenti promontori e avvallamenti; questo agisce sui centri motori del tempo provocandone un rallentamento. Gli anticicloni e le basse pressioni sono più lenti nelle loro evoluzioni. Il singolo evento non è possibile dire che sia il frutto del cambiamento climatico. Tuttavia, se pur non tutti concordi, gli scienziati sostengono che questi schemi circolatori stanno divenendo più frequenti a causa dei cambiamenti climatici che provocano un riscaldamento molto veloce dell'Artico con feedback positivo sulla circolazione delle medie latitudine.  Gli estremi di conseguenza vengono ritoccati e senza il cambiamento climatico sarebbe difficile il verificarsi di quelle estreme temperature che ad esempio si sono registrate sul Canada. Dei recenti eventi climatici estremi hanno infranto record di vecchia data con ampi margini. Secondo una indagine preliminare della NOAA l'ondata di caldo di fine giugno che ha colpito il nord-ovest del Pacifico è stata un evento di circa 1 anno su 1.000 nel clima attuale. Con l'aumento delle temperature globali gli eventi di caldo estremo stanno diventando più frequenti ma anche più intensi e duraturi. Questo sarebbe alla base di un aumento del numero di temperature estreme da record registrate in tutto il mondo negli ultimi anni.

circolazione estate fino ad ora
circolazione estate fino ad ora

Mentre l'Artico continuerà a riscaldarsi più velocemente che altrove in risposta all'aumento delle concentrazioni di gas serra, aumenterà anche la frequenza degli eventi meteorologici estremi causati da questi pattern meteorologici.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati