24 settembre 2019
ore 20:00
di Francesco Nucera
tempo di lettura
1 minuto, 17 secondi
 Per tutti

Estensione ghiaccio artico. Dopo un anno di grande fusione il ghiaccio marino artico il 18 settembre (fonte NSIDC) ha raggiunto la minima estensione per il 2019, il secondo peggiore di sempre nell'era satellitare (dal 1979) davanti al 2007 e al 2016; l'anno peggiore è stato il 2012. In pratica questo non fa altro che confermare la tenenza negativa a lungo termico del declino del ghiaccio marino.

Questa è la 'classica' delle estensioni minime del ghiaccio marino artico ( milioni di kmq)

2012: 3.39

2019: 4.15

2007: 4.16

2016: 4.17

Le 13 estensioni più basse dell'era nell'era satellitare si sono verificate tutte negli ultimi 13 anni. Non è solo il ghiaccio marino giovane e sottile che sta fondendo. Gran parte del ghiaccio marino più resistente alla fusione sta scomparendo o è già scomparso. Nel momento in cui il ghiaccio marino fonde l'oceano assorbe più calore proveniente dalla radiazione solare che a sua volta si scalda. Questo poi incide a sua volta sulla fusione del ghiaccio secondo una sorta di circolo vizioso. Per il momento non vi è alcun segno di inversione o di arresto del riscaldamento che sta interessando l'artico

Temperature previste nei prossimi giorni. Ecco i dettagli grafici.

Per conoscere in tempo reale dove sta piovendo o nevicando consulta la nostra sezione Radar, con immagini in Real Time delle precipitazioni sia a livello nazione che regionale.

Precipitazioni previste nei prossimi giorni. Ecco i dettagli grafici.

Segui in diretta l'evoluzione consultando la nostra sezione SATELLITI.

Segui in diretta l'evoluzione consultando la nostra sezione delle webcam.

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati