4 febbraio 2021
ore 23:45
di Francesco Nucera
tempo di lettura
1 minuto, 38 secondi
 Per tutti

1-7 febbraio. Il periodo in esame mostrerebbe una saccatura artica in discesa verso l'Europa centro settentrionale. Essa contrasterebbe con una seconda saccatura nord Atlantica diretta verso le Canarie ed in graduale avanzamento verso levante. Le nostre regioni risentirebbero di correnti sud occidentali a curvatura anticiclonica al Centro Sud mentre al Nord favorirebbero condizioni di instabilità con piogge e nevicate in montagna. Graduale peggioramento anche al Centro Sud a cavallo con la settimana successiva. Temperature sopra le medie tipiche del periodo sull'area del Mediterraneo.


8-14 febbraio. L'aria fredda o molto fredda di natura artica continentale seguiterebbe, secondo il modello Ecmwf, ad interessare le  Nazioni Oltralpe ma in particolare quelle centro settentrionali. Il corridoio depressionario atlantico, sotto il blocco anticiclonico in rafforzamento sulla Groenlandia da un lato porterebbe l'aria fredda verso la Gran Bretagna e la Francia, dall'altro consentirebbe alle perturbazioni atlantiche di portarsi ancora sulla nostra Penisola ma in particolare al Centro Nord, alla base di peggioramenti. Temperature in calo al Nord ma ancora sopra media al Centro Sud seppur si andrà attenuando la marcata anomalia termica positiva


15-21 febbraio. Il modello Ecmwf mostrerebbe una attenuazione del blocco groenlandese ed un aumento della pressione tra Atlantico ed Europa occidentale. Questo potrebbe essere messo in relazione ad un arricciamento del ramo canadese del vortice polare. Tale evoluzione consentirebbe  a parte dell'aria fredda di raggiungere anche la nostra Penisola con temperature in calo. Si ipotizza come il gelo possa essere confinato tra Russia, Scandinavia e Baltico stante il lobo del vortice polare che estenderebbe la sua influenza agli Stati centrali Europei e ai Balcani.

22-fine febbraio. Il vortice polare, stante le anomalie positive di geopotenziale a 500hPa sempre a latitudini settentrionali, risulterebbe ancora debole. Possibilità dunque ancora di instabilità sulla nostra Penisola. Rimane ancora  linea di tendenza, seguiranno aggiornamenti


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati