27 aprile 2021
ore 8:33
di Francesco Nucera
tempo di lettura
51 secondi
 Per esperti
vortice polare a 50 hPa
vortice polare a 50 hPa

Il 26 aprile è avvenuta l'inversione del vento zonale a 10 hpa del vortice polare stratosferico che segna l'avvio del processo del Final Warming, ovvero l'ultimo riscaldamento della stratosfera polare di stagione; questo fenomeno, del tutto normale in primavera,  porterà alla graduale sostituzione del vortice polare stratosferico ancora presente con un anticiclone. La stratosfera così entrerà in modalità estiva.

inversione dei venti a 10 hPa secondo Ecmwf
inversione dei venti a 10 hPa secondo Ecmwf

Sebbene questo evento in corso è aiutato dalla dinamica delle onde planetarie troposferiche, il Final Warming ha caratteristiche prettamente radiative, ovvero favorito maggiormente da processi fotochimici alla ripresa della luce solare sul Polo. Sarà infatti una evoluzione di completa sostituzione abbastanza lenta che si compirà nel corso di maggio, con la genesi di un anticiclone a partire dall'alta stratosfera e senza grosse ripercussioni sulla circolazione troposferica.

La bassa stratosfera invece si presenta ancora termicamente sotto media con un insolito vortice polare a tre onde votato verso allungamenti e contrazioni e con influenze ancora sulla circolazione delle medie latitudini.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati