5 agosto 2019
ore 12:41
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 12 secondi
 Per tutti

Dalla depressione presente da giorni sulla Russia infiltrazioni di aria fresca ed instabile si sono spinte verso sud in direzione del Mar Nero, fino ad oltrepassare i confini europei raggiungendo anche l'Anatolia. Ne è conseguita la formazione di un'area depressionaria molto attiva sul Mar Nero sul finire della scorsa settimana, responsabile di condizioni di violento maltempo dall'Ucraina alla Turchia.

In Ucraina, tra sabato e domenica, si sono avuti forti temporali con estesi allagamenti che hanno messo in ginocchio la città di Odessa, affacciata alle sponde settentrionali del Mar Nero, con molti disagi nella circolazione stradale a causa del livello dell'acqua che ha raggiunto alcune decine di centimetri di altezza su molte strade.

Situazione simile sulla sponda opposta del Mar Nero, quella meridionale in territorio turco. Nella provincia di Rize, Turchia nordorientale, la giornata di domenica è stata caratterizzata da violenti temporali con grandinate e pesanti allagamenti che si sono ripercossi sulla circolazione stradale provocando anche un incidente mortale.

Intanto anche nelle prime ore della nuova settimana continuano le condizioni di maltempo sulla sponda turca del Mar Nero, con piogge e gli ultimi temporali che si attenueranno in giornata. Poi si aprirà un periodo più stabile, grazie al rinforzo di un campo di alta pressione che rimonterà dalle latitudini meridionali riportando bel tempo nel corso della settimana e temperature in aumento.

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati