22 dicembre 2020
ore 19:00
di Francesco Nucera
tempo di lettura
2 minuti, 11 secondi
 Per esperti
vortice polare troposferico
vortice polare troposferico


Un indebolimento del vortice polare è atteso subito dopo il Natale. La circolazione atmosferica è infatti indirizzata verso una amplificazione delle sue onde dalla fine dell'anno con conseguenti ondate di maltempo invernali nelle pronunciate saccature e condizioni più stabili nei vasti promontori. A livello emisferico questa situazione sarà dettata da un trasporto di energia dal Pacifico verso l'Atlantico attraverso le onde di Rossby. 

onde di Rossby che dal Pacifico si estendono al settore Atlantico
onde di Rossby che dal Pacifico si estendono al settore Atlantico

Nel corso dei prossimi giorni un vasto e potente anticiclone dalla Siberia si porterà verso la Mongolia e la Cina. Il peso della massa d'aria gelida si assocerà a pressioni molto elevate al suolo. Alcune simulazioni prevedono valori di 1076 hPa. Il gelo che attanaglia le zone siberiane tenderà così a estendersi verso l'Asia centrale fino a coinvolgere i settori settentrionali di Nepal, Pakistan e Afghanistan. 

vasto e potente anticiclone siberiano
vasto e potente anticiclone siberiano

Questo vasto e robusto campo di alte pressioni darà vita a degli eventi intensi di Asian Mountain Torque Positivo (EAMT+) che provocheranno per conservazione del momento angolare una forte accelerazione del jet in uscita dal Continente Asiatico

principio che illustra il Mountain Torque positivo
principio che illustra il Mountain Torque positivo


Questi eventi di EAMT+ contribuiranno a rendere amplificate le onde della circolazione atmosferica a partire da fine mese favorendo situazioni invernali non solo sul Nord America ma anche in Europa.

Amplificazione delle onde troposferiche
Amplificazione delle onde troposferiche

La proiezione dei regimi meteo nello spazio Nao-blocking indica la tendenza verso uno scenario Nao negativo. Questo vuol dire che il vortice polare sarà debole perchè gli anticicloni tendenzialmente saranno sul nord Atlantico o in Groenlandia col fronte polare a scorrere basso di latitudine.

proiezioni regimi meteo secondo ecmwf
proiezioni regimi meteo secondo ecmwf

STRATWARMING. Il particolare assetto del vortice polare troposferico prima menzionato indebolirà poi anche quello stratosferico. Per la fine del mese è atteso inoltre un forte riscaldamento della stratosfera polare o Stratwarming (SSW) con conseguente ulteriore indebolimento del vortice polare stratosferico

Forte riscaldamento della stratosfera in uscita dalla Siberia
Forte riscaldamento della stratosfera in uscita dalla Siberia

Le velocità a 10 hPa mostrano infatti un tracollo. Rispetto alle ultime uscite il modello Ecmwf aumenta i membri con velocità negative segno che esiste la possibilità che il riscaldamento stratosferico possa essere del tipo major ovvero caratterizzato non solo da una inversione del gradiente termico ma anche dei venti. La media non scende del tutto al di sotto dello zero necessario per un'inversione, anche se un evento stratosferico significativo è probabile all'inizio di gennaio.

velocità a 10 hPa in drastico calo
velocità a 10 hPa in drastico calo

Questi tipi di ssw maior sono quelli più incisivi capaci di provocare cambiamenti alla circolazione atmosferica amplificando le anomalie termiche e pluviometriche. Tuttavia rimane ancora incertezza sull'evoluzione dello Stratwarming, un evento che seguiremo nelle prossime settimane e che potrebbe condizionare le sorti del mese di gennaio


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati