13 aprile 2021
ore 7:00
di Francesco Nucera
tempo di lettura
2 minuti, 6 secondi
 Per esperti
Vortice polare, situazione a 100 hPa
Vortice polare, situazione a 100 hPa


Il mese di aprile prosegue come era iniziato, ovvero termicamente sotto media su molte Nazioni. Nella prima settimana il mese è stato caratterizzato da una intensa ondata di freddo che ha portato valori di temperatura record per il periodo con pesanti danni alle colture già fiorite dopo il precedente caldo anomalo. I valori di temperatura sono andati sotto media anche di 10-12°C. L'ondata di freddo è stata causata da un afflusso di aria fredda di origine artica messa in moto da anticicloni sulla Groenlandia. 

Gelate mattutine si susseguono ancora in Francia con punte fino a -5°C in aperta campagna. Ma il freddo pungente è presente anche altrove, in particolare sulla Gran Bretagna dove la neve è scesa a bassa quota. Quella del 12 aprile è stata poi la notte più fredda nel Regno Unito dal 2013; a Tulloch Bridge, in Scozia, il termometro è sceso fino a -9,4°C. Freddo anche in Germania, Paesi Bassi, Benelux. La neve interessa in maniera abbondante le Alpi mentre il maltempo raggiungere il Mediterraneo.

Si è invece ribaltata la situazione sui Balcani: pochi giorni dopo la neve record, Belgrado è ora la capitale più calda d'Europa con la temperatura massima che ha raggiunto i +25,6°C. Diverse località della Serbia hanno superato i 26°C. Primi +20°C raggiunti in Estonia quest'anno. Queste variazioni significative hanno riguardato l'Europa centro settentrionale col passaggio dall'estate all'inverno tra fine marzo ed inizio aprile.

Questa situazione sembra destinata a perdurare anche nei prossimi giorni; gli anticicloni tenderanno a rimanere in disparte e allungarsi verso la Scandinavia. Altra aria fredda è così attesa scendere verso latitudini meridionali. Aprile ce la sta mettendo tutta per risultare più fresco del mese di marzo le cui temperature si erano riprese nell'ultima settimana con l'anticiclone africano.

Il vortice polare stratosferico si presenta ancora piuttosto freddo per il periodo e piuttosto allungato nella bassa stratosfera; il core principale è presente sull'artico canadese e favorisce il gelo eccezionale tra Alaska e Yukon. L'altro lobo si estende verso l'Europa

vortice polare allungato in bassa stratosfera
vortice polare allungato in bassa stratosfera

Salendo di quota il vortice polare risulta più compatto è centrato grosso modo sul Polo

vortice polare stratosferico
vortice polare stratosferico

Le temperature a 30 hPa sono ancora molto basse rispetto alla climatologia, sono ritornate nella media a quote più alte.

temperature a 30 hpa sul Polo Nord
temperature a 30 hpa sul Polo Nord

Seppur sarà tardivo in quanto dopo il 15 aprile, rimane ancora incertezza sul Final Warming, l'ultimo riscaldamento della stratosfera di primavera, sia sulla tipologia che sul periodo esatto di attuazione.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati